Navigation – Plan du site
III.1 L'histoire comme ktèma es aiei et les défis de l'impartialité: le narrateur «intime»
III.1.1 Le point de vue olympien et la structure de l'oeuvre

Strategie militari e strategie narrative in Tucidide : la Grecia occidentale nella guerra archidamica1

Ugo Fantasia

Texte intégral

I. Una guerra più complessa delle altre

  • 1  Ringrazio caldamente Marie-Rose Guelfucci per l’invito che mi ha rivolto a partecipare a questo Co (...)
  • 2  J. Boëldieu-Trevet, Commander dans le monde grec au Ve siècle avant notre ère, Besançon, Presses U (...)

1L’altisonante affermazione che leggiamo in apertura della ξυγγραφή, che la guerra di cui Tucidide ha scritto la storia « fu certamente il più grande sconvolgimento che abbia interessato i Greci e una parte dei Barbari e che si sia esteso, per così dire, alla maggior parte dell’umanità » (I, 1, 2), può apparire a prima vista, e in parte sicuramente è, uno degli strumenti retorici di cui Tucidide si serve per dimostrare l’assunto di fondo della archaiologia : la grandezza incomparabilmente maggiore di questa guerra rispetto alle precedenti. Ma già a partire dal discorso sulle cause, e poi ancora di più da quando il racconto vero e proprio della guerra ha inizio, il lettore è condotto a ripensare a quell’affermazione a mano a mano che si amplia e si diversifica l’orizzonte geografico in cui si muovono eserciti e flotte. In effetti, intorno al nucleo del conflitto, lo scontro diretto fra le due superpotenze, vediamo che la guerra — e in particolare la sua fase archidamica — non di rado si frammenta in una serie di operazioni militari che si svolgono in teatri periferici e assai distanti fra loro e di cui si rischia di perdere di vista portata e finalità in relazione all’asse centrale degli eventi. Una guerra così complessa, e prolungatasi per un tempo così lungo, rappresentava una sfida in parte inedita in primo luogo per chi doveva coordinarla, gestirla, combatterla, ed è merito di un libro recente l’aver mostrato di quali contenuti nuovi si sia arricchito, sotto la sua spinta, il tradizionale concetto dello στρατηγεῖνκαλῶς2. Ma rappresentava una sfida altrettanto inedita anche per chi ha scelto di raccontarla : il problema non era solo di reperire le necessarie informazioni, ma anche e soprattutto di selezionare, distribuire e ordinare il materiale narrativo, per di più all’interno di una griglia cronologica rigorosamente annalistica, in modo tale da conferire senso ed unità all’intera vicenda. La mia relazione intende affrontare questa complessità da un angolo visuale non privo di precedenti, ma sicuramente meno familiare per gli studiosi di Tucidide — forse la maggioranza — per i quali il carattere unitario del fatto storico « guerra del Peloponneso » è un presupposto scontato : vale a dire il modo in cui tensioni e conflitti di ambito locale arrivano ad innestarsi, sia sul piano fattuale che narrativo, sul tronco principale del récit tucidideo. Da questo punto di vista l’ambito geografico su cui si concentrerà il mio discorso, quello che possiamo definire genericamente da una prospettiva atenocentrica la periferia occidentale del mondo greco, si presta ad una analisi assai istruttiva.

II. Strategie nel Nord-Ovest : ascesa e caduta di Ambracia

  • 3  Per un quadro della situazione politica di questa regione alla vigilia e all’inizio della guerra r (...)
  • 4 Thucydides, Baltimore, The Johns Hopkins University Press, 1987, p. 197.
  • 5 H.-P. Stahl, Thucydides : Man’s Place in History, trad. ingl., Swansea, The Classical Press of Wale (...)

2Un caso indicativo, che qui toccherò brevemente perché da me approfondito in altra sede, è costituito da quanto avviene nei primi anni di guerra nella Grecia nord-occidentale. In questa regione, già da tempo interessata dalla storica rivalità fra Atene e Corinto, uno dei fattori più dinamici e potenzialmente destabilizzanti è rappresentato dall’aggressività che la potente colonia corinzia di Ambracia manifesta, in nome di un’ostilità che risale molto indietro nel tempo e le cui radici Tucidide non manca di richiamare (II, 68, 2-8), nei confronti della vicina Argo di Anfilochia — già oggetto di un attacco, apparentemente del tutto sganciato dalla guerra fra Atene e Sparta, condotto nella tarda estate del 430 (II, 68, 1 e 9) — e successivamente anche dell’Acarnania, il cui tradizionale orientamento anticorinzio è stato appena rafforzato dall’alleanza conclusa con Atene poco prima dell’inizio della guerra (II, 68, 8)3. Le due più rilevanti campagne militari dell’intero conflitto che hanno per teatro questa regione hanno la loro origine in iniziative promosse da Ambracia. Ciò è particolarmente evidente per quella dell’estate del 429, il cui racconto ha inizio, in II 80, 1, con un’ampia e limpida esposizione del piano di guerra. Gli Ambracioti, a capo di una vasta ed eterogenea coalizione che comprende i Caoni e altre popolazioni dell’entroterra epirotico, illirico e macedone, progettano l’assoggettamento dell’Acarnania come trampolino di lancio per la conquista delle isole Ionie (il cui controllo avrebbe ostacolato le circumnavigazioni ateniesi del Peloponneso) e, almeno in prospettiva, anche di Naupatto, e riescono a convincere gli Spartani e i Corinzi — questi ultimi comprensibilmente più entusiasti dei primi — a dare il loro sostegno. Qui siamo di fronte, come ha sottolineato S. Hornblower, ad un magnifico pezzo di « “ strategic ” writing »4 ; una valutazione, questa, che non è contraddetta dall’analisi che di questo stesso episodio ha offerto, da un punto di vista attento alla costruzione del racconto, H.-P. Stahl : la sua proposizione di un modello narrativo tipicamente tucidideo, in forza del quale fattori inizialmente imprevisti si frappongono tra l’elaborazione di un progetto e la sua esecuzione determinandone infine il fallimento, non toglie nulla alla lucidità e al realismo del piano originario5. L’attenzione agli aspetti formali non deve comunque oscurare quello che sul piano storico appare il punto decisivo : non sono né Sparta né Corinto, ma un loro alleato periferico, a concepire un piano di vasto respiro, che arriva a coinvolgere cospicue forze di terra e di mare e che avrà fra i suoi effetti, indesiderati per la protagonista della vicenda, la duplice vittoria navale di Formione a Patre a Naupatto (II, 83-92), le cui conseguenze — la virtuale paralisi delle iniziative navali corinzie per il resto della guerra — non corrono certo il rischio di essere sopravvalutate.

  • 6  Non si tratta dunque di una puntuale ripresa della strategia del 429 — l’accento allora cadeva sul (...)

3Ma il ruolo trainante che questa ostilità di ambito locale esercita in rapporto alle vicende della grande guerra emerge con sufficiente chiarezza, seppure in un modo meno immediato ed esplicito, anche nella campagna dell’inverno del 426, iniziata ancora una volta con l’attacco di Ambracia alla confinante Argo e chiusa, in modo ancora più fallimentare, con la disastrosa sconfitta degli Ambracioti e dei loro alleati peloponnesiaci per mano di un abilissimo Demostene che ha messo a frutto la severa lezione appena ricevuta in Etolia (III, 105-114). Giacché, ancora una volta, è Ambracia a decidere tempi e modi : le forze peloponnesiache al comando di Euriloco, i tremila opliti alleati che avevano condotto il fallito attacco a Naupatto (III, 100-102, 4), non avevano fatto ritorno nel Peloponneso, ma erano rimaste in Etolia perché, visitate dagli Ambracioti, erano state da questi convinti a partecipare ad un attacco contro l’Anfilochia e l’Acarnania con la motivazione che, « se si fossero impadroniti di queste posizioni, tutti i popoli continentali sarebbero entrati nell’alleanza dei Lacedemoni » (III, 102, 5-7)6.

  • 7 W. Lapini, « Tucidide tragico : noterella su 3.113.1-6 », Sileno, 17 (1991), p. 121-138, a p. 124.
  • 8  Ciò è reso evidente dalla clausola del trattato che faceva divieto ad Ambracia di portare aiuto ad (...)
  • 9  In III, 107, 1 Demostene arriva nei pressi del golfo di Ambracia con 200 opliti messeni da Naupatt (...)
  • 10 Athens and Corcyra. Strategy and Tactics in the Peloponnesian War, Bristol, Bristol Classical Press (...)
  • 11  Se Corcira con la sua potente flotta avrebbe potuto anche da sola svolgere il ruolo di sentinella (...)
  • 12  E’ sintomatico, ad esempio, che la resistenza della città acarnana di Eniade, l’unica a conservare (...)
  • 13 L. G. Mitchell, Greeks Bearing Gifts. The Public Use of Private Relationships in the Greek World, 4 (...)

4Sono soprattutto due aspetti di questo episodio a catturare l’attenzione del lettore. Il primo è il profondo pathos di cui è intrisa la scena finale (III, 113), quasi un sigillo apposto da Tucidide all’intraprendenza e alle ambizioni di questa città : un serrato dialogo — assimilato da uno studioso ad una « sticomitia di schietta fattura tragica »7 — nel corso del quale un messo giunto da Ambracia, ancora ignaro del massacro consumato a Idomene, viene a scoprirne l’entità dopo aver manifestato il suo stupore per l’enorme quantità di spoglie accumulate dal vincitore. Scena a cui fa seguito un commento autoriale in cui lo storico, dopo aver osservato che si trattava del « più grave disastro che avesse colpito una città greca in un ugual numero di giorni, nel corso di questa guerra » (III, 113, 6), si rifiuta di riportare il numero dei morti perché sarebbe ritenuto poco credibile in rapporto alla popolazione di Ambracia. In secondo luogo, il vuoto creato in questa settore dal drastico ridimensionamento di Ambracia non viene colmato dai suoi tradizionali nemici. Gli Acarnani, anzi, timorosi — ci dice Tucidide (III, 113, 6) — che gli Ateniesi, impossessandosi della città, diventassero per loro dei vicini più temibili, si affrettarono a concludere, con al fianco gli Anfilochi, un’alleanza difensiva con la stessa Ambracia (III, 114, 3), accontentandosi, a quanto sembra, di avere ormai mano libera per l’ampliamento e il consolidamento della loro Lega8. Quanto agli Ateniesi, che in questa campagna avevano impiegato forze relativamente ridotte9, non sembrano volersi impegnare ulteriormente, apparentemente soddisfatti dei risultati raggiunti. Di fatto, le ostilità in questo distretto vengono a cessare quasi del tutto alla fine del 426 : è come se il passo della guerra fra Atene e Sparta in questo caso si fosse uniformato al ritmo delle vicende locali. Quest’ultimo dato sembra apportare un’importante conferma alla tesi esposta da J. Wilson all’interno della migliore discussione esistente del problema della definizione di una precisa strategia ateniese nella Grecia nord-occidentale10, e cioè che, nonostante la consapevolezza dei vantaggi derivanti dal controllo di questa regione, Atene non ha portato avanti, per ragioni logistico-geografiche e politiche o semplicemente perché costretta dalle circostanze11, una coerente strategia finalizzata a raggiungerlo. Ma dimostra anche che almeno in parte tale finalità poteva essere conseguita, coniugando i massimi risultati con un minimo sforzo militare, sfruttando nel modo più conveniente le ambizioni e le tensioni che animavano la politica degli stati di questa regione12. Un significativo corollario di questa politica è, almeno da parte ateniese, l’esistenza di una precisa consapevolezza delle specificità locali che presentavano i singoli teatri di guerra. Come ha mostrato, fra gli altri, L. Mitchell, la designazione degli strateghi cui affidare le varie campagne di guerra obbediva almeno in parte alla logica di scegliere degli uomini che, spesso in forza di legami di natura personale, potevano vantare una sorta di specializzazione nelle relazioni con determinate città o popoli, soprattutto quelli di aree periferiche. Nel caso della Grecia nord-occidentale, e in particolare per l’Acarnania e Naupatto, abbiamo sufficienti elementi per affermare che questo era il caso dei tre strateghi che vediamo agire in successione in questa regione : Formione, suo figlio Asopio e lo stesso Demostene13.

III. Il conflitto in Italia e Sicilia (427-426) : Tucidide e la storiografia siceliota

  • 14  A parte le brevi notazioni su Diotimo, Eurimedonte e Pitodoro in L. G. Mitchell, op. cit., p. 199 (...)
  • 15  « Athens’ First Intervention in Sicily : Thucydides and the Sicilian Tradition », CQ, 42 (1992), p (...)

5Anche nei rapporti con il lontano Occidente Atene poteva contare su « specialisti » del settore, strateghi o semplici inviati che fossero, come Diotimo e Lampone, Pitodoro ed Eurimedonte, forse anche Callia, Feace, Eufemo14. Ma, se riguardo alla Grecia nord-occidentale Tucidide è prodigo di particolari sugli eventi e sugli interessi in gioco, il coinvolgimento dell’Italia e della Sicilia nella guerra decennale attraverso la cosiddetta prima spedizione ateniese in Sicilia del 427-424 rappresenta un caso sicuramente più problematico, e meritevole in questa sede di una discussione più approfondita : si tratta, come ha scritto B. Bosworth, di « uno degli episodi più opachi in Tucidide »15.

  • 16  Richiamata in modo pressoché esaustivo da S. Cataldi, « Atene e l’Occidente : trattati e alleanze (...)
  • 17  Platone, Ippia Maggiore 282b ; Diodoro, XII, 53. La menzione in Tucidide, III, 86, 3, dei soli « a (...)
  • 18  Poiché « gli alleati dei Leontini » di III, 86, 3 comprendono solo le città calcidesi, non certo C (...)
  • 19 H. D. Westlake, « Athenian Aims in Sicily, 427-424 BC », in Essays, p. 101-122, a p. 106.
  • 20 A. J. Holladay, « Athenian Strategy in the Archidamian War », Historia, 27 (1978), p. 399-427, alle (...)
  • 21 Cf. Tucidide, La guerra del Peloponneso. Libro II, a cura di U. Fantasia, Pisa, ETS, 2003, p. 25 sq
  • 22  Non sono convinto dalle argomentazioni in senso contrario di K. A. Raaflaub, « Herodot und Thukydi (...)
  • 23  Tucidide, VI, 1, 1 : [...] πΣικελανπλεσαντεςκαταστρψασθαι, εδναιντο [...] ; 6, 1 : [...] φ (...)
  • 24  Lo stesso H. D. Westlake (op. cit. n. 19, p. 111) ne riconosce l’ambiguità, anche se, a suo avviso (...)
  • 25  È stato W. R. Connor,Thucydides, Princeton, Princeton University Press, 1984, p. 120, nota 24, a s (...)
  • 26  Questo punto è stato colto, contro l’interpretazione tradizionale come vittoria del « partito » di (...)
  • 27 Cf. S. Cataldi, « I processi agli strateghi ateniesi della prima spedizione in Sicilia e la politic (...)

6Gli antefatti, sia sul versante ateniese che su quello siciliano, sono relativamente chiari grazie a Tucidide (III, 86) e Diodoro (XII, 53-54, 3) e ben studiati da una corposa letteratura moderna16. Essendo scoppiata una guerra fra Siracusa e Leontini che determinò un riallineamento delle città greche di Sicilia in base alle affinità etniche (con l’eccezione di Camarina che, dorica, era schierata con Leontini, mentre fra le città italiote la calcidese Regio era alleata con i Calcidesi di Sicilia e Locri stava ovviamente dalla parte di Siracusa), gli alleati di Leontini, che nel conflitto aveva nettamente la peggio, mandarono un’ambasceria ad Atene guidata da Gorgia17 per chiedere aiuto in nome sia della esistente alleanza che della comune appartenenza alla stirpe ionica. Atene, con una deliberazione presa all’incirca nello stesso torno di tempo in cui la terribile vicenda interna di Corcira (III, 69-85), il cui fondamentale ruolo logistico nella navigazione da e verso Occidente ha appena bisogno di essere ricordato (cf. I, 36, 2 e 44, 3), volgeva verso una soluzione favorevole agli interessi ateniesi, rispose con l’invio di venti navi al comando di Lachete e Careade. Le motivazioni riportate da Tucidide in III, 86, 4 sono che, dietro il pretesto dell’affinità di stirpe con le città calcidesi18, essi in realtà volevano « impedire l’esportazione di grano dalla Sicilia verso il Peloponneso e fare un tentativo preliminare per vedere se era possibile porre sotto il loro controllo la situazione della Sicilia » — secondo alcuni due ragioni distinte emerse nel corso del dibattito tra « colombe » e « falchi »19, ovvero, a mio avviso più probabilmente, due aspetti o momenti di uno stesso progetto, visto che, come è stato sottolineato20, stante l’impraticabilità di un blocco navale l’unico modo di tagliare i rifornimenti era di acquisire il controllo delle aree produttrici di grano. Che cosa precisamente si aspettavano gli Ateniesi da questa impresa ? La prima motivazione è di quelle che con maggiore efficacia sono in grado di calare il lettore nel clima delle discussioni di carattere strategico di quegli anni : i rifornimenti alimentari erano una preziosa forma di assistenza che gli alleati occidentali di Sparta, il cui diretto coinvolgimento militare e finanziario era rimasto per ora sulla carta (II, 7, 2), potevano assicurare ad uno schieramento peloponnesiaco (Megara in primis, ma anche i territori oggetto delle incursioni della flotta) che dovette soffrire seri danni materiali dall’aggressività ateniese e ad un esercito peloponnesiaco che avesse voluto condurre invasioni dell’Attica più lunghe e incisive21. Quanto alla seconda motivazione, solo una lettura forzata del testo può portare a vedere in essa la traccia di un dibattito approfondito sulla conquista della Sicilia22. Il lessico adoperato da Tucidide in occasione delle tre deliberazioni di Atene sull’impegno militare in Sicilia è sufficientemente differenziato per suggerire la progressiva emersione di un vero e proprio intento imperiale. Quest’ultimo si profila con chiarezza solo nel 41523, mentre nel 427 πρόπειράντεποιούμενοιεἰσφίσιδυνατὰεἴητὰἐντῇΣικελίᾳπράγματαὑποχείριαγενέσθαι (III, 86, 4) è una formulazione prudente e generica, che non implica necessariamente l’idea della sottomissione e lascia aperte numerose possibilità, la più realistica delle quali, alla luce del ridotto numero di navi, sarà stata il favorire la vittoria del fronte calcidese in funzione antisiracusana, o quanto meno un suo decisivo rafforzamento per togliere libertà di manovra al più importante alleato di Sparta in Sicilia. Quando, poco più di un anno dopo, si tratterà di deliberare l’aumento della flotta operante in Sicilia, una delle due motivazioni sarà « perché pensavano che così la guerra laggiù sarebbe stata risolta più rapidamente » (ἅμαμὲνἡγούμενοιθᾶσσοντὸνἐκεῖπόλεμονκαταλυθήσεσθαι, III, 115, 4) — una formulazione, nella sua ambiguità, che va letta in perfetta continuità con la deliberazione iniziale24. L’idea della conquista ritorna solo, espressa con parole appena meno limpide che in VI, 1, 125, nella motivazione della condanna degli strateghi rientrati dalla Sicilia nel 424, un passo, però, nel quale la focalizzazione sulle ragioni addotte dal demos per punire i tre generali ci allontana dalla presentazione dello storico per sottolineare — come sarà più chiaro dal seguito della nostra analisi — le mal riposte ambizioni che il popolo aveva legato a questa iniziativa in Sicilia. Non c’è dubbio che l’iniziativa intrapresa da Atene nel 427, per quanto debba essere vista a posteriori come foriera di un più profondo coinvolgimento, rimaneva difensiva nello spirito e sostanzialmente in linea con la strategia periclea della non apertura di nuovi fronti di guerra26. Del resto, quello che sappiamo di Lachete, che era un uomo vicino a Nicia27 (Careade è per noi uno sconosciuto), suona come conferma di questa interpretazione.

  • 28  Diodoro aggiunge (XII, 54, 4) che a Regio alle forze ateniesi si unirono 20 navi fornite dalla ste (...)
  • 29  Probabilmente l’odierna Fiumara di Palizzi ad ovest di Capo Spartivento, secondo i risultati di un (...)
  • 30  Diodoro (XII, 54, 4-5) ricorda in ordine inverso i due episodi della conquista di Mile e dell’atta (...)

7Non sappiamo quanti Ateniesi credessero davvero che la piccola flotta di venti navi partita nella tarda estate del 427 fosse sufficiente a raggiungere questo scopo, ma il vero problema è rappresentato dalla natura del resoconto che Tucidide ci offre di questa spedizione. Nella sezione finale del terzo libro, i capitoli 86-116 che coprono il periodo che va dalla tarda estate del 427 all’inverno 426-425, Tucidide ritorna sul teatro di guerra siciliano ben cinque volte (III, 88, 90, 99, 103, 115-116) con registrazioni molto sintetiche disposte secondo una rigida cronologia stagionale. I veri e propri fatti, a parte l’excursus sulle isole Eolie (III, 88, 2-3) e la notizia su un’eruzione dell’Etna all’inizio del 425 (III, 116, 1-2), si esauriscono in un elenco assai breve e non molto coerente, data la dispersione geografica delle aree in cui Ateniesi e alleati si trovano ad agire. Dopo aver ricordato l’arrivo della flotta nella base di Regio e l’immediato inizio delle ostilità (III, 86, 5)28, Tucidide registra un primo attacco alle Eolie, nell’inverno 427-426, che si risolve in una inconcludente devastazione del suo territorio (III, 88, 1 e 4). Poi, nell’estate del 426, quando a comandare le forze ateniesi era rimasto il solo Lachete a causa dell’avvenuta morte in combattimento dell’altro stratego Careade, egli menziona la presa di Mile, difesa da un presidio di soldati di Messene, che spiana la strada alla resa della stessa Messene (III, 90, 2-4), e successivamente, verso la fine della buona stagione, uno scontro navale che porta alla conquista di un fortino sul fiume Halex29, al confine fra il territorio di Locri e quello di Regio (III, 99)30. Nell’inverno 426-425 sono ricordate tre distinte iniziative : il tentativo, condotto insieme agli alleati greci e ai Siculi che avevano fatto defezione da Siracusa, di espugnare Inessa, alle falde dell’Etna, tenuta dai Siracusani, il cui fallimento dà origine ad un vittorioso contrattacco dei Siracusani che infligge non poche perdite agli alleati di Atene (III, 103, 1-2) ; una serie di sbarchi in territorio locrese, nel corso dei quali gli Ateniesi vincono in una battaglia nei pressi del fiume Kaikinos un esercito di trecento Locresi (103, 3) ; infine (notizia separata dalle precedenti dal racconto degli eventi del teatro acarnano) un’incursione dal mare nel territorio di Himera, sulla costa settentrionale della Sicilia, che veniva aggredita in contemporanea dai Siculi dell’entroterra, e un secondo attacco portato alle Eolie, presumibilmente da questa stessa spedizione mentre rientrava nella base di Regio (III, 115, 1). Questa fase di combattimenti si chiude, all’inizio del 425, con un rinnovato attacco al forte locrese già bersaglio dell’azione di Lachete nell’estate precedente ; a condurlo, e ad esservi sconfitto, fu il nuovo stratego subentrato a Lachete, Pitodoro, appena arrivato con poche navi in attesa dei più cospicui rinforzi nel frattempo deliberati da Atene dietro richiesta degli alleati di Sicilia, che di nuovo si erano rivolti all’alleata perché sopraffatti su terra dalle forze nemiche e preoccupati dai preparativi che Siracusa stava facendo per rimediare alla sua inferiorità sul mare (III, 115, 2-6).

  • 31  Quali le due tribù di Messeni cui è affidata la difesa di Mile (III, 90, 2) o il nome del comandan (...)
  • 32  Sulle peculiarità che il racconto del sesto anno di guerra presenta in termini di organizzazione d (...)

8Il resoconto, insomma, assai stringato benché non privo di dettagli anche minuti31, ha soprattutto il torto di non riuscire a dare un quadro perspicuo degli eventi in termini di finalità e obiettivi strategici delle forze in campo, mentre la sua frammentazione finisce per esasperare i problemi legati ad una troppo rigida osservanza dello schema annalistico : non è certo un caso che Dionigi di Alicarnasso, discutendo nel trattato Su Tucidide (9, 6-8) la « ripartizione » (διαίρεσις)come un aspetto della οἰκονομίαdell’opera storica, arrivi ad appuntare le sue critiche proprio sulla parte finale del terzo libro32.

  • 33  L’attribuzione a Filisto, proposta già dal primo editore G. Coppola, « Una pagina del ΠερΣικελας (...)
  • 34  La stessa forma scorretta del nome Χαροιδης riportato da Tucidide, e confermato dalla documentazi (...)
  • 35  Mentre lo scontro che provoca la morte di Careade si è svolto molto probabilmente nelle acque di C (...)

9Tali caratteristiche acquistano maggiore risalto alla luce del confronto che è possibile istituire (caso più unico che raro) con un frammento preservato su papiro, secondo i più proveniente dall’opera di Filisto (PSI 1283 = FGrHist 577 F 2), che riporta, con una esposizione più particolareggiata che va a integrare quella tucididea, due eventi che appartengono alla prima fase della guerra33. Nella prima colonna dell’unico frammento (A) sufficientemente leggibile, dopo un misterioso accenno ad un’ambasceria a Regio, si parla del recupero di uomini e navi da parte dei Siracusani e poi è menzionato « in diretta » un evento, la morte dello stratego Χαριάδης34, cui Tucidide, come si è detto, riserva un accenno, fuori contesto, come cosa già avvenuta. Contemporaneamente, in un altro scontro che si svolge all’altezza di Megara35, « anche » Lachete perde una nave, e poi concorda con quelli imbarcati sulle triremi dell’alleata Camarina di navigare contro Lipara dove lui stesso, Lachete, guiderà le sue navi e dieci di quelle di Regio. Dopo una breve lacuna, nella seconda colonna, Ateniesi ed alleati sbarcano nottetempo nel territorio locrese all’altezza del fiume Kaikinos, devastano un villaggio e ne uccidono parte degli abitanti e infine intercettano all’altezza del fiume Halex, e catturano, cinque triremi locresi che stavano rientrando da Siracusa (evidentemente le stesse la cui cattura è ricordata da Diodoro in XII, 54, 4), mentre i loro equipaggi si danno alla fuga in preda al panico.

  • 36  La communis opinio, ripresa ancora da M. Ameruoso, op. cit., p. 140, vuole che Tucidide abbia parl (...)
  • 37 B. Bosworth, op. cit. n. 15, p. 52 sq., è appunto l’unico a datare gli eventi narrati nel fr. A del (...)

10Se Careade fosse scomparso alla vigilia dell’attacco alle Eolie dell’inverno 427-426 ricordato da Tucidide in III, 88, 1, necessario presupposto per identificare questa con la spedizione a Lipara di cui parla il papiro, dovremmo addebitare a Tucidide una non lieve imprecisione cronologica, giacché il suo testo invita il lettore a credere che lo stratego è morto nell’intervallo di tempo fra l’attacco alle Eolie e la spedizione a Mile36. D’altra parte, è poco verosimile che il racconto della spedizione ateniese alle Eolie e l’inizio dell’incursione contro Locri potessero trovar posto nel poco spazio che rimane alla fine della I colonna del fr. A del papiro. Ciò sembra dare ragione a B. Bosworth quando sostiene che il papiro parla, nella I colonna, di un rendez-vous delle forze alleate a Lipara non menzionato da Tucidide. Nel contempo, la diversione a Locri di cui si parla nella II colonna, con la cattura delle cinque navi locresi ricordata anche da Diodoro, andrà ragionevolmente collocata là dove la leggiamo in Diodoro, cioè subito prima della spedizione contro Mile37 : evidentemente, le navi ateniesi convergono a Lipara in preparazione dell’attacco contro Mile. In pratica, quanto è raccontato nel papiro sarebbe solo l’antefatto del primo episodio dell’estate del 426 riportato da Tucidide e non ha alcun riscontro con quello che leggiamo nel suo resoconto.

  • 38 H. Stein, « Zur Quellenkritik des Thukydides », RhM, 55 (1900), p. 531-564, a p. 532.
  • 39  « La colonizzazione della Sicilia in Tucidide », Maia, 6 (1953), p. 1‑20, a p. 8 (trad. tedesca «  (...)
  • 40  Due ottime introduzioni ad Antioco, con ampia rassegna degli studi, sono fornite da N. Luraghi, An (...)
  • 41 E. Wölfflin, Antiochos von Syrakus und Cœlius Antipater, Winterthur, Westfehling, 1872, p. 1-12. Cf(...)
  • 42 Cf. E. Wölfflin,ibid., p. 13-14 (che riconduce anche IV, 24, 5, con la notizia su Cariddi, all’auto (...)
  • 43 E. Wölfflin, op. cit., p. 17 sq.Anche F. Jacoby riteneva più verosimile che nelle parti narrative l (...)
  • 44  Sull’incidenza di questo criterio nella storiografia greca vedi S. Ferrucci, s. v. ξιος, in Lexic (...)
  • 45 Op. cit. n. 39, p. 15.

11Tuttavia, se è vero che qui Tucidide si mantiene al di sotto dello standard di akribeia a cui ci ha abituato per le parti narrative, è lui stesso a fornirci la chiave per capire le caratteristiche di questa sezione, attraverso la dichiarazione autoriale, che non ha confronti nel resto della sua opera, che leggiamo in III, 90, 1 e le cui implicazioni non sono state forse interamente colte : « Nella stessa estate si combatterono in Sicilia delle guerre alle quali parteciparono, a seconda delle circostanze, diversi popoli e in particolare i Sicelioti stessi, che fecero delle spedizioni gli uni contro gli altri, e gli Ateniesi con i loro alleati ; ricorderò solo le azioni più notevoli cui diedero vita, a fianco degli Ateniesi o contro di loro, i loro alleati o i loro avversari ». Perché solo qui in tutta la sua opera Tucidide ha sentito il bisogno di dire che ha operato una selezione degli eventi da narrare ? Una spiegazione che ha a che fare con il possibile uso di fonti scritte fu formulata per la prima volta più di un secolo fa38 ed è stata ripresa, non senza una certa cautela, da K. Dover39 : la conoscenza da parte di Tucidide della Σικελιῶτιςσυγγραφή di Antioco di Siracusa, che quasi certamente arrivava fino al 424, anno della pace di Gela40, lo avrebbe indotto a rinunciare ad un’esposizione completa di eventi che in quest’opera, fatalmente orientata più verso la Sicilia che verso la Grecia,  avevano ricevuto una trattazione più ampia. L’uso di Antioco da parte di Tucidide è ritenuto pressoché certo, in via principale o esclusiva, dalla maggior parte degli studiosi a partire da Ed. Wölfflin, almeno per ciò che riguarda la storia della colonizzazione della Sicilia in VI, 2-541, ed è possibile per alcune notizie di carattere geografico come quelle sulle isole Eolie in III, 88, parzialmente convergenti con ciò che sullo stesso soggetto leggiamo nel periegeta Pausania che ad Antioco si rifà in modo esplicito (X, 11, 3-4 = FGrHist 555 F 1)42. Che lo storico siceliota stia alle spalle del resoconto della prima spedizione in Sicilia è invece più difficile da accettare : lo stesso Ed. Wölfflin osservava che l’uso di Antioco nelle parti narrative sarà stato più libero che nelle sezioni antiquarie in quanto Tucidide si sarà basato in misura maggiore sulle informazioni di chi alla spedizione aveva preso parte43. Ed è ancora più difficile scorgere in III, 90, 1, che suona come un’esplicita giustificazione del carattere incompleto del resoconto in nome di una selezione governata dal principio della ἀξιολογία44, l’allusione ad un’opera storica che di questi stessi eventi offriva una narrazione completa. Inter alia, se la ragione della digressione sulla colonizzazione della Sicilia è, come afferma K. Dover, quella di divulgare i risultati di un’opera di difficile accesso agli ambienti colti del mondo egeo45, appare contradditorio che in III, 90, 1 sia presupposta la sua conoscenza come premessa ad un uso di essa drasticamente selettivo.

  • 46  « Sicily and Southern Italy in Thucydides », inA. Rengakos & A. Tsakmakis (eds.), Brill’s Companio (...)
  • 47  Tucidide, VII, 25, 2, con le considerazioni di M. Frederiksen, intervento in Locri Epizefiri. Atti (...)
  • 48  Come si è detto, è il primo fiume a segnare il confine fra i territori delle due città, ed è sicur (...)
  • 49 Cf. G. Cordiano, op. cit. n. 29, p. 33-39, 46-50.
  • 50 Cf. C. Ampolo, « La funzione dello Stretto nella vicenda politica fino al termine della guerra del (...)
  • 51  « I contributi alla prima spedizione ateniese in Sicilia (427-424 a. C.) », PP, 42 (1987), p. 5-11
  • 52  Precisamente fin dall’estate del 428, in relazione all’assedio di Mitilene : Tucidide, III, 13, 3 (...)
  • 53  Se guardiamo alle cose da questo punto di vista, che privilegia, per così dire, il servizio presta (...)
  • 54 Cf. infra n. 57.
  • 55  Così H. Wentker, op. cit. n. 16, p. 127.

12In realtà, il ricorso all’ipotesi di una fonte scritta è la spia di una certa resistenza a prendere alla lettera le parole di Tucidide, come io credo si debba fare : egli dichiara di aver ritagliato gli eventi più meritevoli di menzione (ἃδὲλόγουμάλισταἄξια) fra quelli che vedevano la partecipazione diretta di Ateniesi e loro alleati, sullo sfondo di una guerra che coinvolge in prima istanza Greci di Sicilia e loro alleati italioti e nella quale, in tutta evidenza, non è Atene a dettare l’agenda delle operazioni. M. Zahrnt ha definito la strategia ateniese « rather improvisional »46 ; credo che ci si possa spingere oltre affermando che le forze ateniesi vanno, per così dire, al traino dei loro alleati locali. Ciò è dimostrato a mio parere da due circostanze cui non è stato dato il dovuto risalto. La prima è il numero e la frequenza degli scontri fra Ateniesi e Locresi, che, se proiettati sullo sfondo delle finalità della spedizione, trovano una spiegazione solo nella rivalità che opponeva la città italiota alla confinante Regio, in quel momento principale alleata di Atene e base operativa della sua flotta. Non si vuole qui negare l’attrazione che poteva esercitare sugli Ateniesi la prospettiva di arrivare a controllare un territorio così ricco di risorse naturali, in particolare legname, come l’entroterra montuoso di Locri (per esempio, è nell’entroterra della confinante Caulonia che nel 413 i Siracusani avrebbero distrutto col fuoco il legname che era stato accumulato per gli Ateniesi)47, ma non è certo con le forze messe in campo nel 427 che tale obiettivo avrebbe potuto essere raggiunto. In realtà, le tre operazioni in territorio locrese fra estate del 426 e inizio del 425 di cui abbiamo notizia da Tucidide e dal papiro attribuito a Filisto si concentrarono tutte in quella fascia meridionale del territorio di Locri, tra i fiumi Halex e Kaikinos48, che nel 477 era stata teatro della spedizione reggina guidata da Leofrone, figlio del tiranno Anassilao, e probabilmente di altri conflitti che avevano opposto Reggini e Locresi già nella seconda metà del VI secolo49. Analogamente, l’importanza che riveste l’area dello Stretto come teatro di operazioni militari andrà letta più verosimilmente in funzione degli interessi di Regio che come obiettivo di una precisa strategia ateniese50. La seconda circostanza è proposta alla nostra attenzione da una pur lacunosa iscrizione ateniese, IG I3 291, la cui ridatazione a questi anni, invece che al tempo della spedizione del 415-413, è merito di C. Ampolo51. Il documento, un elenco di contributi in denaro versati da una serie di città e popoli che rientrano tutti fra gli alleati occidentali di Atene (Regio, Nasso, Catane o Camarina, i Siculi), mostra chiaramente che i costi di questa spedizione, in un periodo in cui ad Atene avevano cominciato a farsi sentire difficoltà finanziarie52, furono in larga misura sostenuti da questi alleati — o forse in misura pressoché esclusiva, giacché l’ammontare complessivo delle registrazioni conservate, solo una parte di quelle che vi erano incise, corrisponde ad una somma superiore a 240 talenti, in grado per esempio di mantenere non meno di venti navi per un anno. Questa chiara testimonianza del notevole impegno profuso dallo schieramento antisiracusano nel bloccare l’espansionismo della colonia corinzia può esser certamente richiamata per correggere la visione apparentemente riduttiva che Tucidide trasmette dell’importanza della prima spedizione, ma induce a vedere quest’ultima in un’ottica più complessa, in cui gli interessi ateniesi appaiono subordinati, dal punto di vista militare e strategico, a quelli locali53. All’impegno finanziario degli alleati ateniesi corrisponde peraltro l’entità tutt’altro che trascurabile delle forze messe in campo da loro e dai loro avversari e delle perdite accusate da entrambi gli schieramenti in combattimenti terrestri che gli scampoli di notizie a noi pervenuti denunciano come particolarmente accaniti. I mille caduti e i seicento prigionieri del fronte antiateniese a Mile (Diodoro, XII, 54, 5), le perdite degli alleati ateniesi dopo il fallito attacco ad Inessa (Tucidide, III, 103, 2), i più di mille Messeni caduti nell’attacco sferrato dai Nassi e gli altri periti per mano dei Siculi nel 425 (IV, 25, 9), la duplice invasione « in massa » del territorio reggino da parte dell’esercito locrese nel corso del 425 (IV, 1, 3 e 24, 2)54, la stessa iniziativa del demos di Leontini di iscrivere un gran numero di nuovi cittadini dopo il 424 (V, 4, 2), da interpretare probabilmente come un tentativo di colmare i vuoti lasciati nel corpo civico dalle perdite subite nel corso della guerra55 : tutto ciò rimanda ad un conflitto di scala molto ampia, con frequenti combattimenti terrestri, nel quale il contributo apportato dagli Ateniesi, pur in presenza di innegabili successi quali la presa di Messene, non ebbe un peso decisivo e la cui durezza, come si vedrà, aiuta a capire gli inaspettati sviluppi che esso assume fra il 425 e il 424.

IV. 425 : la Sicilia è più vicina

  • 56  Questo dato, che conferma la fedeltà alla cronologia stagionale di svolgimento degli eventi, è sfu (...)
  • 57 Cf. Tucidide, IV, 24, 2 e 25, 3. Nonostante le riserve non del tutto immotivate di Gomme (HCT, III, (...)
  • 58 E. Wölfflin, op. cit. n. 41, p. 18, ha visto in queste particolarità lessicali, πκλω e ποσιμωσ(...)

13Qualunque spiegazione vogliamo dare della natura del resoconto tucidideo per questi primi eventi, dobbiamo tuttavia tener conto delle caratteristiche differenti che esso presenta a partire dalla primavera del 425 (IV, 1), diventando decisamente più ampio e coerente, e più ricco di dettagli per quanto riguarda motivazioni e finalità delle iniziative registrate. Parallelamente, in contrasto con la dispersione geografica caratteristica delle sezioni precedenti, il teatro delle operazioni si sposta stabilmente nell’area dello Stretto. Il primo evento della primavera del 425, narrato senza soluzione di continuità rispetto alla menzione dell’eruzione dell’Etna in III, 116, è appunto l’occupazione di Messene, che in tal modo si stacca da Atene, ad opera di dieci navi siracusane e dieci locresi (IV, 1) : i Siracusani intendono prevenire l’uso di Messene da parte degli Ateniesi con una flotta ancora più forte di quella attualmente presente, i Locresi si muovono in odio ai Reggini e perché vogliono impegnare i loro confinanti anche sul fronte marittimo dopo averne invaso il territorio con tutte le loro forze approfittando della stasis che in quel momento dilaniava la città dello Stretto. Quando ritorna sul teatro siciliano nella piena estate del 425 (IV, 24-25)56, Tucidide ci offre un pezzo narrativo di grande ampiezza e complessità, che illustra con dovizia di particolari il piano siracusano di ingaggiare battaglia con gli Ateniesi e i loro alleati nello stretto di Messina in un momento in cui le navi ateniesi presenti in Sicilia erano ancora poche, in attesa dell’arrivo delle quaranta navi al comando di Eurimedonte e Sofocle (IV, 2, 2) bloccate a Pilo. Gli Ateniesi, benché leggermente inferiori di numero, hanno momentaneamente la meglio e costringono i Siracusani e i loro alleati a ripiegare a Peloro nello stesso momento in cui i Locresi si ritiravano dal territorio di Regio (che avevano invaso in massa una seconda volta nel corso di questa stagione)57, ma perdono due navi nel momento in cui tentano di sorprendere le imbarcazioni nemiche prive di equipaggi e  poi mentre queste rientrano in direzione di Messene, dove alla fine riescono ad approdare — una fase dello scontro che è descritta in modo non generico, come dimostrano alcuni termini tecnici che ricorrono solo qui in Tucidide e uno dei quali è di interpretazione assai controversa (IV, 25, 1-6)58. In seguito, approfittando della partenza degli Ateniesi per Camarina che minacciava di far defezione, i Messeni attaccano i Nassi, che con l’aiuto dei Siculi infliggono loro una sanguinosa sconfitta. I Leontini e i loro alleati tentano allora di sfruttare la situazione per infliggere a Messene il colpo decisivo, ma subiscono un rovescio e perdono parecchi uomini, e il sostegno loro assicurato dal mare dagli Ateniesi, nel frattempo rientrati nell’area dello Stretto, non è sufficiente a riprendere il controllo della città. Il ritiro degli Ateniesi nella base di Regio chiude questa sezione (IV, 25, 7-12), alla fine della quale Tucidide osserva : « Dopo di ciò i Greci di Sicilia effettuarono delle spedizioni di terra gli uni contro gli altri, senza la partecipazione degli Ateniesi ».

  • 59  Adottata da B. Bosworth, op. cit. n. 15, p. 54 : Tucidide in esilio ha potuto consultare in merito (...)

14Benché quest’ultima osservazione arieggi il criterio di selezione enunciato in III, 90, 1, il respiro generale dell’esposizione è decisamente cambiato. È in teoria possibile che le fonti orali cui attingeva Tucidide siano diventate più affidabili a partire dal 425 ; ma questa soluzione59 implica che, contro ogni evidenza testuale, conferiamo alla dichiarazione autoriale di III, 90, 1 il valore di un caveat al lettore circa l’insufficienza delle fonti, e dovremmo chiederci ancora una volta perché solo qui Tucidide abbia ritenuto di alludere ad una difficoltà di reperire informazioni che possiamo immaginare si sia presentata in molti altri momenti della sua ricerca.

  • 60 T. Rood, op. cit. n. 32, p. 5 sq.
  • 61 Cf. G. Cuniberti, Iperbolo ateniese infame, Bologna, Soc. Ed. Il Mulino, 2000, p. 53-59.
  • 62  Le unità cronologiche stagionali con cui lavora Tucidide si rivelano in questo caso troppo compren (...)
  • 63 G. Busolt, ibid., p. 1078 sq. e nota 5 ; cf. K. J. Beloch, Griechische Geschichte, II2 1, Strassbur (...)
  • 64  Alcune allusioni nelle Vespe di Aristofane (240-244 ; 836-838 ; 891‑1008, ecc.), rappresentate nel (...)

15Forse è più produttivo battere un’altra strada, che privilegi ragioni di contesto sia in senso evenemenziale che narrativo. Un’accelerazione della vicenda siciliana, che dal punto di vista stilistico riceve un certo risalto dalla duplice analessi temporale di III, 115, 360, è rappresentata dalla decisione ateniese, nell’inverno 426-425, di raccogliere il secondo appello dei suoi alleati occidentali deliberando l’invio di altre quaranta navi. Ciò implicava un deciso cambiamento di strategia ? La risposta è meno facile di quanto sembri. Da un lato è agevole osservare che una flotta di analoga consistenza è quella che in un primo tempo Atene avrebbe deciso di inviare nel 415 (VI, 8, 2) in seguito ad una decisione presentata da Tucidide come ben più impegnativa, e che, pur con tutte le cautele del caso, le allusioni alle mire occidentali di Iperbolo sparse nei Cavalieri di Aristofane (173‑174 ; 1300-1304), rappresentati alle Lenee del 424, sembrano segnalare un mutamento di clima nell’opinione pubblica ateniese61 ; dall’altro la divisione di questa spedizione di rinforzo in due tranches molto ineguali — poche navi che, come si è detto, partirono subito con Pitodoro, con l’invio del grosso della flotta dilazionato alla primavera successiva — e il cumulo di incarichi che fu assegnato a Sofocle ed Eurimedonte (IV, 2, 3-4) inducono a credere che nell’agenda delle preoccupazioni ateniesi la situazione in Sicilia non fosse ancora balzata al primo posto. Quello che si può dire con relativa certezza è che la decisione ateniese di impiegare una parte non trascurabile del suo potenziale navale per arrivare ad una soluzione in Sicilia è il sintomo di una visione ottimistica del conflitto in corso. Se l’invio delle venti navi nel 427 era stato facilitato dalla felice (per Atene) conclusione della rivolta di Mitilene e della stasis di Corcira, la deliberazione relativa ai rinforzi intervenne più o meno contemporaneamente ai successi conseguiti da Demostene nella Grecia nord-occidentale (III, 105-114)62 : una vittoria che, nel rafforzare il controllo sul corridoio marittimo occidentale fino a Corcira e da lì verso l’Occidente, potrebbe aver avuto fra le sue conseguenze, secondo una felice intuizione di G. Busolt a partire da un passo degli Acarnesi (652-653) rappresentati pochi mesi più tardi, un sia pur timido approccio spartano per la conclusione di una pace63 — una prefigurazione di quanto Sparta avrebbe fatto con più convinzione dopo Sfacteria. L’ottimismo era destinato ad alimentare ambizioni poco realistiche, e la stessa conclusione della prima spedizione in Sicilia è posta sotto il segno di una grande ambizione frustrata. Quando, dopo la pace di Gela, la flotta ateniese, congedata perché ormai inutile dagli alleati occidentali, farà ritorno in patria, i tre strateghi saranno condannati chi ad un’ammenda chi all’esilio perché, dice testualmente Tucidide, « pur rientrando nelle loro possibilità la sottomissione dei popoli della Sicilia, si erano lasciati corrompere e si erano ritirati » (IV, 65, 3)64. Il commento autoriale che segue immediatamente dopo, e che addebita l’assurdo comportamento del demos al « successo inatteso che gli Ateniesi avevano conseguito in un gran numero di casi e che infondeva vigore alle loro speranze », costituisce un epilogo quanto mai appropriato della catena di eventi, aperta dai successi nella Grecia nord-occidentale e continuata con la vittoria di Pilo, grazie alla quale Atene s’illude di essere ad un passo dalla vittoria. Subito dopo, la narrazione dell’episodio di Megara (IV, 66-74) segna l’inizio della parabola discendente delle fortune ateniesi.

  • 65 Cf. C. J. Dewald, op. cit. n. 32, p. 91 sq.
  • 66 H.-P. Stahl, « Narrative Unity and Consistency of Thought : Composition of Event Sequences in Thucy (...)
  • 67 CT, II, p. 149.

16A questo stesso risultato, una più stretta integrazione del teatro di guerra siciliano con i fatti che avvengono in Grecia a partire dalla primavera del 425, concorre un ulteriore elemento di ordine narrativo65. Gli Ateniesi sbarcano a Pilo per iniziativa di un Demostene imbarcato da ἰδιώτης sulla stessa flotta che all’inizio della primavera è partita avendo come destinazione finale la Sicilia (IV, 2, 4), e che proprio in conseguenza degli sviluppi assunti dalla vicenda in Messenia arriverà alla meta solo in piena estate (IV, 48, 6), non senza aver assolto l’altro incarico che le era stato assegnato, fermarsi cioè a Corcira per debellare l’ultima sacca di resistenza oligarchica. Così, in omaggio al modello narrativo di cui parlavo all’inizio, assistiamo al paradosso — certo funzionale alla presentazione tucididea dei fatti di Pilo come frutto in buona parte del caso — di un grande successo scaturito da un’iniziativa in cui il passaggio davanti alle coste della Messenia rappresentava una finalità nettamente subordinata alle altre due. Ha perfettamente ragione H.-P. Stahl a scrivere che lo scopo inizialmente secondario finisce per « oscurare » la finalità principale66. Tuttavia, lo strettissimo intreccio tra destinazione finale, Sicilia, e stazioni intermedie, Pilo e Corcira, ha come risultato una visione organica e coerente degli eventi nei diversi teatri a partire dalla primavera del 425 : come ha osservato S. Hornblower, vediamo convergere in una stessa unità narrativa filoni che prima erano stati presentati separatamente67.

  • 68  Secondo S. Mazzarino, « Tucidide e Filisto sulla prima spedizione ateniese in Sicilia », BSC, 4 (1 (...)

17A questo punto non sarà inutile tornare su III, 90, 1 per rilevare che la prima delle due parti di cui quella dichiarazione autoriale si compone contiene la specificazione del segmento temporale entro il quale il criterio di selezione è stato applicato : τοῦδ᾿αὐτοῦθέρους [...], dunque la stagione di guerra del 426, che, come è emerso dal confronto con il papiro attribuito a Filisto, era stata in effetti particolarmente affollata di eventi in cui erano coinvolti gli Ateniesi insieme ai loro alleati, oltre che di operazioni a cui avevano preso parte solo popolazioni locali. Evidentemente lo stesso criterio non si applica alla stagione successiva, considerata dallo stesso Tucidide meritevole di una narrazione più dettagliata. Ciò aiuta a capire anche perché quell’affermazione viene a cadere non dove sarebbe stato logico trovarla se davvero essa si riferisse all’intera narrazione degli eventi siciliani, cioè in III, 88 : una stranezza già rilevata in passato, ma spiegata con improbabili ragioni di ordine compositivo68.

V. 424 : Ermocrate fra presente e futuro

  • 69  Quanto cospicua ? Le 60 navi di cui normalmente si parla si ottengono sommando alle 20 del 427 le (...)
  • 70 Cf. Diodoro, XII, 54, 7 : τοδπολμουχρονζοντοςοΛεοντνοιδιαπρεσβευσμενοιπρςτοςΣυρακοσουςδιε (...)

18È a prima vista paradossale che le registrazioni dal fronte occidentale vengano virtualmente a cessare (l’accenno di IV, 48, 6 sembra avere una pura funzione di transizione narrativa) proprio nel periodo, poco meno di un anno fra la tarda estate del 425 e l’estate del 424, in cui gli Ateniesi sono presenti con una flotta più cospicua69. Da un frammento di Timeo (Polibio, XII, 25k, 3 = FGrHist 566 F 22) apprendiamo che uno degli strateghi ateniesi giunti in Sicilia nel 425, Eurimedonte, avrebbe vivamente esortato gli alleati alla guerra ; ma sarà bastato il profilarsi di una più massiccia partecipazione ateniese per mettere in moto, anche presso le città alleate di Atene e probabilmente come effetto combinato della stanchezza dovuta all’inconcludente prolungarsi di un conflitto particolarmente aspro e di lacerazioni interne di cui arriviamo a cogliere l’eco  negli eventi successivi70, quel processo di riavvicinamento fra le parti in lotta che culminerà nell’accordo di Gela. Quando Tucidide ritorna sul teatro di guerra siciliano, nell’estate del 424, è appunto per comunicarci che Camarina e Gela, le cui ostilità non sono state mai menzionate in precedenza (mentre, a quanto possiamo giudicare dal frammento già citato, ne parlava ampiamente Timeo), hanno concluso un armistizio, e sull’onda di esso le città siceliote inviano ambasciatori a Gela per siglare un accordo di pace sulla base dell’uti possidetis (IV, 58 e 65, 1). Suo ispiratore fu lo statista siracusano Ermocrate, che qui pronuncia il primo dei tre discorsi diretti che Tucidide gli attribuisce nell’arco dell’opera (IV, 59‑64).

  • 71 G. P. Landmann, Interpretation einer Rede des Thukydides : die Friedensmahnung des Hermokrates, Tüb (...)
  • 72  « Sphakteria », SPA (1921), p. 306-318 (=Kleine Schriften, III, Berlin, Akademie Verlag, 1969, p.  (...)
  • 73 N. G. L. Hammond, «The Particular and the Universal in the Speeches in Thucydides, with Special Ref (...)
  • 74  Tucidide, IV, 65, 1 ; cf. S. Mazzarino, op. cit. n. 68, p. 48 sq. Per un acuto studio degli intere (...)
  • 75  Polibio, XII 25k, 6-26 (=FGrHist 566 F 22), con G. P. Landmann, op. cit. n. 71, p. 16 sq.
  • 76 Cf. S. Hornblower, CT, II, p. 220, con l’opportuno richiamo al congresso di Gela come probabile eve (...)
  • 77  Una qualità che lo fa rientrare in un ristretto novero di uomini del presente e del passato : Tese (...)
  • 78  Vedi supra n. 69.
  • 79  Valga per tutti K. J. Dover, HCT, V, p. 412.

19Non c’è dubbio che, proiettato sullo sfondo della scarna vicenda narrativa di cui rappresenta il coronamento, esso appare « troppo pesante », come ebbe a esprimersi uno studioso cui dobbiamo un suo dettagliato studio71 ; prima di lui, U. von Wilamowitz aveva sentenziato che Tucidide lo ha inserito come un « Ersatz » destinato a colmare le lacune della narrazione72. Beninteso, questo è un punto di vista alquanto arbitrario, così come appare illegittimo insistere sulla presunta, massiccia presenza di considerazioni di carattere generale come caratteristica precipua del discorso73. S. Mazzarino, per esempio, rilevava con stupore l’assenza di qualsiasi accenno alla controversia fra Camarina da un lato e Gela e Siracusa dall’altro, un problema certo lacerante per il mondo dorico di Sicilia, che a Gela trova una composizione con la cessione di Morgantina a Camarina da parte di Siracusa dietro pagamento di una somma di denaro74. Ma questo di Ermocrate non è certo l’unico discorso in Tucidide nel quale si avverte la mancanza di dettagli di carattere storico, diplomatico o istituzionale, e le considerazioni da lui svolte, per quanto generiche possano apparire, sono ancorate al contesto storico attraverso i suoi due temi dominanti — la minaccia rappresentata dalla presenza ateniese e la necessità per i Sicelioti di far fronte comune contro i pericoli esterni — in una misura decisamente superiore al discorso che Timeo attribuiva ad Ermocrate nella stessa occasione (se è lecito valutarne il contenuto attraverso il filtro tendenzioso di Polibio)75. In realtà, fatta salva la certezza che Ermocrate prese la parola nel dibattito e che Tucidide aveva informazioni sul suo contenuto76, non esistono indizi interni al testo che ci guidino verso una risposta convincente all’antico dilemma se il suo discorso sia stato (ri)costruito retrospettivamente da un Tucidide che è al corrente degli eventi del 415-413 o se invece un uomo come Ermocrate, la cui figura giganteggia nella sua opera e riceve un esplicito elogio per la sua ξύνεσις (VI, 72, 2)77, possa aver « divinato » gli sviluppi futuri con un atto di lungimiranza e sagacia politica. A mio parere non è un indizio il ben noto passo (IV, 60, 1-2) in cui lo statista siracusano traccia un contrasto fra le « poche navi (ὀλίγαιςναυσί) » con cui gli Ateniesi sono ora presenti in Sicilia, in realtà non molto meno di sessanta, e « la forza più cospicua (πλέονιστόλῳ) » con la quale un giorno avrebbero potuto arrivare, contrasto che, salvo poche eccezioni determinate da una ingiustificata valutazione al ribasso delle forze ateniesi effettivamente presenti in Sicilia nel 42478, è stato letto quasi sempre come un segno di visione retrospettiva alla luce della spedizione del 41579. Ma è facile osservare, tenendo presente il suo più ampio contesto, che il metro adoperato da Ermocrate per valutare come « poche » le navi ateniesi attualmente presenti è la potenza ateniese appena evocata in 60, 1 come la più grande della Grecia, di per sé in grado di intervenire con ben altra forza rispetto a quella impiegata nel 424, per di più in un momento in cui i Sicelioti si sarebbero ulteriormente indeboliti per le contese reciproche.

  • 80  Il versante filosiracusano del progetto politico ermocrateo è stato sottolineato, da punti di vist (...)
  • 81 A. Rengakos, « Fernbeziehungen zwischen den thukydideischen Reden  », Hermes, 124 (1996), p. 396-41 (...)
  • 82  Histoire et raison chez Thucydide, Paris, Les Belles Lettres, 1956, p. 28 sq.

20Sicuramente più interessante, in rapporto agli eventi del 415‑413, è il rilievo conferito nel discorso di Ermocrate all’opportunità che i Sicelioti tutti, una volta composte le loro controversie, adottino un comportamento ispirato ai comuni interessi — beninteso, non in omaggio ad un utopistico irenismo « pansiculista », ma nel segno della realistica consapevolezza che la « guerra intestina » può essere anche solo momentaneamente accantonata per respingere gli « stranieri » (ἀλλόφυλοι) invasori (IV, 64, 3-4), magari sotto la guida di una Siracusa pur sempre egemone anche a sacrificio della propria spinta espansionistica80. Giacché l’unità dei Sicelioti è un motivo che, attraversando buona parte dei libri « siciliani », innerva una fitta trama di riferimenti che con A. Rengakos potremmo chiamare « leitmotivische Fernbeziehungen »81. Accennato per la prima volta in questo discorso come finalità da perseguire per difendersi dalle interferenze esterne, esso viene ripreso da Alcibiade come condizione di assai improbabile realizzazione (VI, 17, 4), subito dopo da Nicia come uno dei più seri ostacoli che avrebbero potuto frapporsi al successo della spedizione (VI, 21, 1), ancora da Ermocrate e da Atenagora, anche se da punti di vista opposti, come realistica conseguenza del timore suscitato dall’invasione (rispettivamente VI, 33, 4-5 ; 34, 4, e 37, 2). Anche a Camarina Ermocrate lancerà una vigorosa esortazione a fare blocco (VI, 77‑78), anche se ragioni di contesto — la presenza dell’ateniese Eufemo, rappresentante di una arche affermatasi asservendo gli Ioni — lo portano ad accentuarne la valenza dorica (77, 1), mentre lo stesso Eufemo subito dopo agiterà l’unificazione delle forze come un pretesto di cui Siracusa si serve per imporre il suo impero (85, 3). Questa trama di riprese non si limita ai discorsi : come ha osservato J. de Romilly82, anche nella parte narrativa l’andamento della guerra fra Atene e Siracusa è scandito, dopo i piccoli successi iniziali di Atene nel procurarsi aiuto dalla Sicilia e dall’Italia, dalla crescente efficacia dell’azione condotta da Gilippo per coalizzare la Sicilia greca intorno a Siracusa, con uncrescendo che tocca ilculmine nel bilancio complessivo tracciato da Tucidide, immediatamente prima dell’arrivo di Demostene, in VII, 33, 2 : « In quel momento la Sicilia quasi al completo, comprese le altre città che in precedenza avevano atteso il corso degli eventi — con l’eccezione di Agrigento che rimase neutrale — si unì ai Siracusani e intervenne in loro aiuto contro gli Ateniesi ».

  • 83 Das Geschichtswerk des Thukydides, Bonn, F. Cohen, 1919, p. 214 sq.
  • 84 Cf. A. W. Gomme, HCT, III, p. 521.

21Al lettore che s’interroghi sulle ragioni profonde della disfatta di Atene nel 413 questa notazione offre un’importante chiave di lettura ; e poiché il tema dell’unità della Sicilia greca fa la sua prima comparsa in bocca ad Ermocrate a Gela, che è il sigillo apposto alla vicenda siciliana del 427-424, il suo discorso finisce per assolvere la funzione di saldare la prima iniziativa ateniese in Occidente, rimasta a metà strada fra un semplice coinvolgimento in un conflitto locale e un serio tentativo di conquista, con la ben più ambiziosa spedizione del 415, che fin dalle prime battute dell’esposizione tucididea, in VI, 1, è posta sotto il segno della colpevole ignoranza, da parte della massa degli Ateniesi, della « grandezza », in tutti i sensi, della regione che essi intendevano sottomettere. Questa funzione di ponte del discorso di Ermocrate fu vista chiaramente da Ed. Schwartz83 e da lui additata come prova dell’intima coerenza con cui Tucidide concepì e scrisse, dopo il 413, tutte le parti siciliane della sua opera ; ma non ne discende necessariamente che esso sia, come voleva Ed. Schwartz, « eigenstes Werk » di Tucidide. La relazione che il discorso intrattiene con il contesto storico in cui è inserito è più complessa di quanto non si creda ; per esempio, l’accordo raggiunto nel 424 avrebbe quasi subito rivelato la sua intrinseca fragilità, ponendo le basi di una crisi da cui sarebbe nata una situazione per certi versi simile a quella pre-427 : paradossalmente, Ermocrate si sarebbe rivelato un buon profeta sui tempi lunghi più che sul breve periodo. È qualcosa di più di una semplice possibilità che Tucidide, in una data relativamente lontana da questi eventi84, abbia voluto tributare un omaggio a questo suo eroe, conferendogli una posizione di assoluto rilievo, per aver sostenuto per primo una linea politica che smascherava l’avventatezza del disegno ateniese del 415. Ma è verosimile che, se avesse dovuto inventarsi dal niente il ruolo ricoperto da Ermocrate nel 424, ne avrebbe delineato un ritratto meno dissonante e meno isolato rispetto alla realtà storica a lui più vicina.

VI. Atene e l’Occidente in Tucidide

  • 85  « La prima spedizione ateniese nell’Occidente », RFIC, 13 (1935), p. 71 sq. (= Scritti minori, VI, (...)
  • 86  « Pericle e la Sicilia », MAIB, 7 (1944-1945), p. 5-28 ; « Per la cronologia della spedizione “ pe (...)
  • 87  Vedi per tutti G. Maddoli, « Il VI e il V secolo a.C. », inE. Gabba & G. Vallet (eds.), La Sicilia (...)
  • 88  Sulla deformazione indotta nella prospettiva di Tucidide dai suoi « silenzi » sull’Occidente ha in (...)
  • 89  La tendenza ad adoperare in modo indistinto la categoria geografica di Occidente, o a leggere in c (...)
  • 90 Cf. ora A. Missiou, « Democracy and Athenian Policy Towards Sicily in Thucydides », in Atene e l’Oc (...)
  • 91 M. H. Chambers, R. Gallucci & P. Spanos, « Athens’ Alliance with Egesta in the Year of Antiphon », (...)
  • 92  « The Legacy of Xerxes : the Growth of Athenian Naval Power », in Atene e l’Occidente, p. 71-98.
  • 93 Cf. in particolare M. Giangiulio, « Atene e l’area tirrenica in età periclea : forme e ideologie di (...)
  • 94 Cf. M. Lombardo, « Conclusioni », in Atene e l’Occidente, p. 520‑524. Il 433 come punto di svolta d (...)
  • 95  Un tema che affiora spesso nei discorsi, diretti o indiretti, in Tucidide — I, 36, 2 (Corciresi, c (...)
  • 96  Seguo su questo punto la ricostruzione di S. Cataldi, « I prescritti dei trattati ateniesi con Reg (...)
  • 97  IV, 3, 4-7 : Catinienses quoque cum Syracusanos graues paterentur, diffisi uiribus suis auxilium a (...)
  • 98 Cf. F. J. Brandhofer, Untersuchungen zur athenischen Westpolitik im Zeitalter des Perikles, Inaug.- (...)

22L’analisi fin qui condotta, centrata sugli aspetti politico-militari e storiografici della spedizione del 427-424, ha volutamente evitato di misurarsi con il problema assai dibattuto del ruolo che ha rivestito l’Occidente nella politica ateniese prima della guerra del Peloponneso. Un consistente filone di ricerche, ben rappresentato nella storiografia italiana del secolo scorso da studiosi del calibro di G. De Sanctis85 e S. Mazzarino86, ha retrodatato ad un periodo anteriore alla metà del V secolo le prime manifestazioni di un non meglio precisato « imperialismo » ateniese nei confronti della Sicilia e dell’area tirrenica, e poi dell’Italia meridionale, con l’implicita conseguenza di addebitare a Tucidide un più o meno consapevole oscuramento degli interessi strategici ed economici che avrebbero ispirato la politica occidentale di Atene87 : ai suoi lettori sarebbe stata preclusa la possibilità di capire che la spedizione del 415 rappresentava l’ultima e decisiva fase di un precoce disegno espansionistico88 all’interno del quale perfino il rafforzamento dell’influenza ateniese nella Grecia nord-occidentale finiva talora per assumere la funzione di tappa intermedia della spinta verso la Sicilia e la Magna Grecia89. In questa ricostruzione convivono aspetti decisamente caduchi e un nucleo di verità. Quest’ultimo consiste nel particolare risalto che Tucidide, probabilmente anche per ragioni compositive e lato sensu artistiche, scelse di conferire alla spedizione del 415-413 isolandola più del dovuto dai suoi precedenti ; bisogna riconoscere, ad esempio, che il passo prima richiamato di VI, 1, con la sua denuncia dell’ignoranza degli Ateniesi circa la situazione dell’isola, si giustificherebbe molto di più come premessa alla spedizione del 427 che non a quella del 41590. I limiti di quella visione, invece, riportati al centro dell’attenzione dall’ormai quasi certa datazione al 418/7, invece che al 458/7, dell’alleanza fra Atene e Segesta91, sono stati messi a nudo da alcuni recenti lavori. Fra questi, il lucido bilancio tracciato da J. Davies92 ha avuto il merito di operare una decostruzione del concetto di « Occidente », differenziando il ben riconoscibile ruolo in funzione anticorinzia che ha rivestito nella politica ateniese del V secolo la Grecia nord-occidentale (il « Near West ») da quello che possiamo assegnare sia al « Middle » che al « Far West » (il versante ionico dell’Italia meridionale, la Sicilia e l’area tirrenica), che ben difficilmente è assurto a obiettivo di un consapevole progetto politico e militare prima della guerra archidamica. Quanto meno, allo stato delle nostre conoscenze, sarebbe illegittimo porre il debutto di precisi disegni di espansione ateniese in Occidente (cosa ben diversa dall’esistenza di rapporti di natura culturale, ideologica e religiosa fra esponenti della cerchia periclea e Occidente greco, ben documentata per Neapolis e l’area campano-tirrenica)93 prima che la epimachia con Corcira rendesse per così dire più permeabile, nei due sensi, quella che fino ad allora era stata una virtuale linea di confine, o una cerniera, fra due mondi94, o prima che si profilasse il pericolo di una saldatura tra le forze militari dello schieramento peloponnesiaco e quelle dei suoi alleati occidentali95. È appunto nel 433 che furono stipulate le alleanze fra Atene e Regio e Leontini96, ed è questo l’unico contesto in cui può essere logicamente collocata la sola iniziativa non documentata da Tucidide che interessi la Sicilia e abbia un carattere esplicitamente militare, vale a dire la spedizione guidata da Lampone tramandata da Giustino97 — ammesso che per questa testimonianza possano essere superati i legittimi dubbi suscitati dalla forte compressione delle vicende e dall’evidente sovrapposizione fra la spedizione di Lampone e quella di Lachete e Careade quale è documentata da Tucidide e Diodoro98.

  • 99  Così A. Corcella, op. cit. n. 88, p. 64.
  • 100  Per l’archaiologia vedi N. Luraghi, « La tirannide siceliota nell’Archaiologia di Tucidide », QS, (...)
  • 101  Così ancora A. Corcella, op. cit. n. 88, p. 67 sq.
  • 102 S. De Vido, « Selinunte. Gli ultimi anni », inC. Antonetti & S. De Vido (eds.), Temi selinuntini, P (...)
  • 103 IG I3, 123 (Meiggs-Lewis, 92).
  • 104 Cf. Senofonte, Elleniche I, 1, 31 e Diodoro, XIII, 63, 1-2, con le osservazioni di G. Vanotti, « I (...)
  • 105  L’idea che il ruolo di assoluto rilievo di Ermocrate in Tucidide debba qualcosa alla sua carriera (...)
  • 106 R. Vattuone, « Introduzione », in Storici greci d’Occidente, p. 11‑29, alle p. 17 sq.

23Alla luce di queste considerazioni, la critica a Tucidide di aver taciuto o travisato un capitolo importante della storia ateniese e del mondo greco del V secolo a. C., sì da rendere quasi incomprensibile l’evento epocale del 415, viene a perdere buona parte del suo peso. Nel contempo, si ha la netta impressione che chi muove a Tucidide il rimprovero di aver sottovalutato l’evento « prima spedizione in Sicilia », ovvero di aver frettolosamente inserito poche e sparse notizie che la riguardavano solo una volta resosi conto, alla luce della spedizione del 415-413, dell’importanza del teatro di guerra occidentale99, voglia in realtà denunciare altra cosa, cioè che l’attenzione da lui dedicata all’Occidente greco, in questo e in altri contesti della sua opera100, è tutto sommato episodica e perciò non penetra a fondo nella complessa dinamica della storia interna del mondo italiota e siceliota della seconda metà del V secolo nella quale il tentativo ateniese si inseriva, con il risultato che è sfuggita alla sua visione storica il nuovo che si agitava in Occidente in termini di Weltgeschichte101. Ciò è senz’altro condivisibile, a patto di ricordare due cose. La prima, di una banale ovvietà, è che l’incompiutezza della ξυγγραφή toglie alla nostra vista lo scenario che lo storico Tucidide avrebbe disegnato per la Grecia nel suo complesso in un periodo in cui anche la situazione siciliana sarebbe andata incontro a notevoli cambiamenti sotto la spinta di fattori interni ed esterni. Fra le altre cose — come suggerisce la stessa menzione dei Sicelioti nell’anticipazione di II, 65, 12 — la distanza fra Egeo e Mediterraneo occidentale si sarebbe notevolmente ridotta, in nome di quella che è stata felicemente definita « la “ triangolazione mediterranea ” della politica dell’epoca »102, grazie appunto alla partecipazione degli alleati occidentali alla guerra ionica, ai contatti allacciati fra Atene e Cartagine103 e anche al sostegno finanziario dato verosimilmente in funzione anticartaginese da Farnabazo ad Ermocrate in vista del suo rientro in Sicilia104 ; e non è illegittimo pensare che un siffatto ampliamento di prospettiva storica avrebbe potuto ruotare intorno alla figura di Ermocrate105. In secondo luogo, sarebbe ingiusto addebitare a Tucidide il mancato assolvimento di un compito che, per quello che ne sappiamo, si sarebbe assunto solo la storiografia della Grecità occidentale, probabilmente già con Antioco e sicuramente con Filisto, in nome di un approccio che è stato giustamente definito « antagonistico » rispetto alla storiografia della madrepatria106.


***

24Se invece rimaniamo sul terreno che qui più ci riguarda, vale a dire la comprensione del fenomeno storico « guerra del Peloponneso », Tucidide non può essere certo accusato di non aver colto o, peggio ancora, di aver volutamente sminuito la portata di questo primo intervento in Sicilia, e ciò per le ragioni, di ordine storico e storiografico, che sono emerse dall’indagine fin qui condotta e che ora, a mo’ di conclusione e per maggiore chiarezza, vorrei formalizzare in tre punti.

25In primo luogo, l’aver posto l’analisi della spedizione ateniese del 427-424 sotto il segno del rapporto fra conflitti locali e asse centrale della guerra ci ha permesso di cogliere una realtà che finora non ha ricevuto l’attenzione che meritava, e cioè che in questo caso la dimensione locale fa premio sull’azione ateniese e ne determina orientamento e limiti. La dichiarazione autoriale di III, 90, 1 rispecchia questa realtà e documenta a sua volta, insieme alla natura scarna e frammentaria delle registrazioni relative alle prime fasi della spedizione, i problemi di selezione e ordinamento del materiale storico che qui più che altrove Tucidide si è trovato a dover affrontare.

26Questa realtà di fondo si prolunga anche al di là della fase iniziale. Tuttavia, ed è il secondo punto che vorrei sottolineare, Tucidide, dopo la deliberazione ateniese della fine del 426 di rafforzare la spedizione, dedica all’episodio un crescendo di attenzione che va di pari passo con il crescendo delle ambizioni ateniesi su questo come su altri fronti, fino a far confluire l’iniziativa ateniese in Sicilia nel più ampio filone narrativo, dominato beninteso dalla vicenda di Pilo e Sfacteria, costituito dalla climax di speranze e fiducia degli Ateniesi in un positivo esito della guerra con Sparta.

  • 107 W. R. Connor, Thucydides, Princeton, Princeton University Press, 1984, p. 120.
  • 108 Op. cit. n. 95, p. 101-105.
  • 109 K. A. Raaflaub, « Herodot und Thukydides : persischer Imperialismus im Lichte der athenischen Sizil (...)
  • 110 Cf. C. Ampolo, « Gli Ateniesi e la Sicilia nel V secolo : politica e diplomazia, economia e guerra  (...)

27Infine, le lezioni implicite che Tucidide trae dall’epilogo della vicenda e che fanno di esso « il perno  intorno al quale ruota il quarto libro e, in una certa misura, l’intera prima parte delle Storie »107. Una di carattere generale, già richiamata da H. Westlake108, è legata alla condanna degli strateghi di ritorno dalla Sicilia nel 424, e suona come ennesima denuncia dell’ottusità del demos ateniese. L’altra, più specifica e indubbiamente più rilevante se viene proiettata sui tempi lunghi del conflitto, discende dalle indicazioni contenute nel discorso di Ermocrate in veste di Warner di stampo erodoteo109, profetiche nella misura in cui individuano un fattore, la resistenza che una Sicilia unita avrebbe opposto a un tentativo di conquista, che si sarebbe rivelato di importanza cruciale nel seguito della vicenda. Se avessero potuto ascoltare le parole di Ermocrate, sembra voler dire Tucidide, gli Ateniesi si sarebbero risparmiati la disfatta del 413 — e quindi la sconfitta finale. A partire dal 425, insomma, la Sicilia entra stabilmente nell’orizzonte storico a cui Tucidide riserva un’attenzione privilegiata. Prova ne sia, e siamo all’ultimo blocco di notizie sull’Occidente nella guerra decennale, l’ampiezza del resoconto (V, 4-5) dedicato alla missione diplomatica condotta da Feace in Sicilia e Italia nel 422 per tentare di salvare il demos di Leontini e risvegliare l’opposizione contro Siracusa anche fra le città doriche, nonché alla situazione che si era venuta a creare a Leontini, con la quasi dissoluzione della polis, e a Locri, che, pressata da problemi interni, stipula con Atene quell’intesa che sola fra le città coinvolte nella prima spedizione ateniese non aveva concluso nel 424. Nonostante avesse messo a segno almeno un buon colpo, traendo dalla sua parte addirittura gli Agrigentini (V, 4, 6), l’ambasceria mancò per colpa dei Geloi il suo obiettivo principale, la creazione di un nuovo fronte antisiracusano ; ma l’ampiezza del suo raggio d’azione110 e la sostanziale instabilità della situazione di cui essa prende atto, pur a così breve distanza dall’accordo di Gela, prefigurano il contesto in cui maturerà la fatidica decisione della primavera del 415.

Haut de page

Notes

1  Ringrazio caldamente Marie-Rose Guelfucci per l’invito che mi ha rivolto a partecipare a questo Convegno. Nelle note ho usato le seguenti abbreviazioni : HCT A. W. Gomme, A. Andrewes & K. J. Dover, A Historical Commentary on Thucydides, I-V, Oxford, Clarendon Press, 1945-1981 ; CT S. Hornblower, A Commentary on Thucydides, I-III, Oxford, Clarendon Press, 1991-2008 ; Essays H. D. Westlake, Essays on the Greek Historians and Greek History, Manchester / New York, Manchester University Press / Barnes & Noble, 1969 ; Atene e l’Occidente = E. Greco & M. Lombardo (eds.), Atene e l’Occidente. I grandi temi, Atti del Convegno Internazionale, Atene 25-27 maggio 2006, Atene, Scuola Archeologica Italiana di Atene (Tripodes, 5), 2007 ; Storici greci d’Occidente R. Vattuone (ed.), Storici greci d’Occidente, Bologna, il Mulino, 2002. La traduzione dei passi tucididei è, talora con lievi modifiche, quella di M. Moggi (Tucidide, La guerra del Peloponneso, a cura di M. Moggi, Milano, Rusconi, 1984).

2  J. Boëldieu-Trevet, Commander dans le monde grec au Ve siècle avant notre ère, Besançon, Presses Universitaires de Franche-Comté, 2007.

3  Per un quadro della situazione politica di questa regione alla vigilia e all’inizio della guerra rimando a U. Fantasia, « Formione in Acarnania (Thuc. II, 68, 7-8) e le origini della guerra del Peloponneso », IncAnt, 4 (2006), p. 59-98, in particolare p. 59-63.

4 Thucydides, Baltimore, The Johns Hopkins University Press, 1987, p. 197.

5 H.-P. Stahl, Thucydides : Man’s Place in History, trad. ingl., Swansea, The Classical Press of Wales, 2003, p. 83-90.

6  Non si tratta dunque di una puntuale ripresa della strategia del 429 — l’accento allora cadeva sulla finalità di impedire agli Ateniesi di agire indisturbati intorno al Peloponneso — ma il meccanismo è lo stesso : gli Ambracioti progettano l’attacco e convincono Spartani e Peloponnesiaci della bontà del loro piano (II, 80, 1 : μπρακιταικαΧονες [...] πεθουσιΛακεδαιμονους [...] ; III, 102, 6-7 : ογρμπρακιταιλθντεςπρςατοςπεθουσινστε [...] καμνΕρλοχοςπεισθες [...]).

7 W. Lapini, « Tucidide tragico : noterella su 3.113.1-6 », Sileno, 17 (1991), p. 121-138, a p. 124.

8  Ciò è reso evidente dalla clausola del trattato che faceva divieto ad Ambracia di portare aiuto ad Anactorio : la città, qui definita « nemica degli Acarnani », era stata occupata dai Corinzi e popolata di loro coloni nel 433 (I, 55, 1), ma sarebbe finita in mani acarnane nel 425 (IV, 49).

9  In III, 107, 1 Demostene arriva nei pressi del golfo di Ambracia con 200 opliti messeni da Naupatto e 60 arcieri ateniesi, che forse facevano parte anch’essi della guarnigione di Naupatto ; nella battaglia campale che segue gli opliti messeni sono all’ala destra dello schieramento insieme a « pochi Ateniesi » (107, 4), presumibilmente opliti imbarcati sulle venti navi che erano arrivate da poco nel golfo di Ambracia direttamente da Atene al comando degli strateghi Aristotele e Ierofonte (III, 105, 3 e 107, 1, con il commento di A. W. Gomme, HCT, II, p. 420).

10 Athens and Corcyra. Strategy and Tactics in the Peloponnesian War, Bristol, Bristol Classical Press, 1987, p. 129-135.

11  Se Corcira con la sua potente flotta avrebbe potuto anche da sola svolgere il ruolo di sentinella degli interessi ateniesi nella Grecia nord-occidentale, la sua sostanziale inazione fra il 431 e il 427, interrotta solo dall’effimero sostegno dato nel 431 al periplo del Peloponneso condotto dalla flotta ateniese (II, 25, 1 e 30, 1), dimostra probabilmente che la città era paralizzata nella sua iniziativa, oltre che dalla tradizionale inclinazione al disimpegno, anche da quelle concrete lacerazioni interne che avrebbero portato alla stasis del 427. Cf. U. Fantasia, « Corcira, 427-425 a. C. : anatomia di una stasis », inC. Bearzot & F. Landucci (eds.), « Partiti » e fazioni nell’esperienza politica greca, Milano, Vita e Pensiero, 2008, p. 167-201, alle p. 174-176.

12  E’ sintomatico, ad esempio, che la resistenza della città acarnana di Eniade, l’unica a conservare nel tempo una posizione filopeloponnesiaca, non piegata da un assedio di Pericle già intorno al 454 (Tucidide, I, 111, 3), uscita indenne dalla spedizione di Formione in Acarnania nell’inverno del 429-428 (II, 102, 1-2) e infine in grado di respingere l’attacco portato nella primavera del 428 da Asopio, figlio di Formione (III, 7, 3-4), cedette infine, nell’estate del 424, allo sforzo congiunto di tutti gli altri Acarnani : giunto a Naupatto in vista della spedizione in Beozia, Demostene trovò che la città era stata da loro costretta a entrare nell’alleanza ateniese (IV, 77, 2).

13 L. G. Mitchell, Greeks Bearing Gifts. The Public Use of Private Relationships in the Greek World, 435-323 bc, Cambridge, Cambridge University Press, 1997, p. 97-98 (Formione e Asopio), 99-101 (Demostene). Su Demostene, i Messeni di Naupatto e gli Acarnani vedi anche J. Roisman, The General Demosthenes and His Use of Military Surprise, Stuttgart, Steiner Verlag (Historia Einzelschriften, 78), 1993, p. 23-32.

14  A parte le brevi notazioni su Diotimo, Eurimedonte e Pitodoro in L. G. Mitchell, op. cit., p. 199 sq., vedi in particolare, per Diotimo e Lampone, S. Cataldi, Prospettive occidentali allo scoppio della guerra del Peloponneso, Pisa, ETS, 1990, p. 18 e nota 39, p.  138 sq., per Eurimedonte e Pitodoro, S. Cataldi, « Atene e l’Occidente : trattati e alleanze dal 433 al 424 », in Atene e l’Occidente,p. 421-470, alle p. 448-450 ; per Pitodoro e Callia, M. Giangiulio, « Atene e l’area tirrenica in età periclea : forme e ideologie di un rapporto », Ostraka, 6 (1997), p. 323-336, alle p. 325 sq. ; per Feace ed Eufemo, C. Ampolo, « Gli Ateniesi e la Sicilia nel V secolo : politica e diplomazia, economia e guerra », Opus, 11 (1992), p. 25-35, alle p. 27 sq.

15  « Athens’ First Intervention in Sicily : Thucydides and the Sicilian Tradition », CQ, 42 (1992), p. 46-55, a p. 46.

16  Richiamata in modo pressoché esaustivo da S. Cataldi, « Atene e l’Occidente : trattati e alleanze dal 433 al 424 », in Atene e l’Occidente,p. 421-470. Ancora molto utile per ricostruire la situazione siciliana, una volta depurato dell’eccessiva insistenza sul ruolo delle aristocrazie nelle colonie greche d’Occidente, è il libro di H. Wentker, Sizilien und Athen. Die Begegnung der attischen Macht mit den Westgriechen, Heidelberg, Quelle u. Meyer, 1956, p. 108-129.

17  Platone, Ippia Maggiore 282b ; Diodoro, XII, 53. La menzione in Tucidide, III, 86, 3, dei soli « alleati dei Leontini » (οτνΛεοντνωνξμμαχοι) come protagonisti dell’ambasceria conferisce una certa credibilità al ruolo che, più o meno nelle stesse circostanze (vedi infra, p. 321 e nota 97), avrebbero ricoperto i Catanei secondo Giustino, IV, 3, 4 : Catinienses [...] auxilium ab Atheniensibus petiuere (passo valorizzato soprattutto da S. Mazzarino, « Pericle e la Sicilia », MAIB, 7 (1944‑1945), p. 5-28, alle p. 7-14), e la presenza di Gorgia non è di per sé un ostacolo all’idea che furono le città calcidesi alleate dei Leontini a rivolgersi ad Atene : cf. H. Wentker, op. cit., p. 112 e 180 sq., nota 468. Sul ruolo di Catane nelle relazioni fra Atene e i Calcidesi di Sicilia vedi, oltre alla testimonianza di Andocide, III, 30, G. Scuccimarra, « Sui rapporti fra Atene e Catana fino all’inizio della spedizione in Sicilia del 415 a.C. », RSA, 16 (1986), p. 17-29 ; L. Burelli Bergese, « Catinienses quoque (Iust., IV,3, 4-4, 3) », inS. Cataldi (ed.), ΠλοςςΣικελαν. Ricerche sulla seconda spedizione ateniese in Sicilia, Alessandria, Ed. dell’Orso, 1992, p. 63-79.

18  Poiché « gli alleati dei Leontini » di III, 86, 3 comprendono solo le città calcidesi, non certo Camarina che diventerà alleata di Atene solo nel corso della spedizione (cf. Tucidide, VI, 52, 1 e 75, 3, e CT, III, p. 429-31 e 489 sq.), non abbiamo bisogno di intendere il termine οκειτης qui adoperato come se alludesse ad un rapporto di generica « familiarità », differente da quello espresso da τξυγγενς in 86, 2 (concordo dunque con S.Hornblower, CT, II, 67 ; diversamente, fra gli altri, R. Sammartano, « Sul concetto di oikeiotes nelle relazioni interstatali greche », inG. Daverio Rocchi (ed.), Tra concordia e pace. Parole e valori della Grecia antica, Milano, Cisalpino, 2007, p. 207-235, alle p. 219-222, articolo a cui rimando per il serrato dibattito che si è svolto negli ultimi anni sulla precisa relazione esistente fra i due concetti).

19 H. D. Westlake, « Athenian Aims in Sicily, 427-424 BC », in Essays, p. 101-122, a p. 106.

20 A. J. Holladay, « Athenian Strategy in the Archidamian War », Historia, 27 (1978), p. 399-427, alle p. 410 sq.

21 Cf. Tucidide, La guerra del Peloponneso. Libro II, a cura di U. Fantasia, Pisa, ETS, 2003, p. 25 sq.

22  Non sono convinto dalle argomentazioni in senso contrario di K. A. Raaflaub, « Herodot und Thukydides : persischer Imperialismus im Lichte der athenischen Sizilienpolitik », inN. Ehrhardt & L.‑M. Günther (eds.), Widerstand, Anpassung, Integration. Die griechische Staatenwelt und Rom. Festschrift für Jürgen Deininger zum 65. Geburtstag, Stuttgart, Steiner Verlag, 2002, p. 11-40, alle p. 32 sq.

23  Tucidide, VI, 1, 1 : [...] πΣικελανπλεσαντεςκαταστρψασθαι, εδναιντο [...] ; 6, 1 : [...] φιμενοιμντληθεσττπροφσειτςπσηςρξαι [...].

24  Lo stesso H. D. Westlake (op. cit. n. 19, p. 111) ne riconosce l’ambiguità, anche se, a suo avviso, questa serve a coprire la divergenza di vedute fra moderati e demagoghi che egli legge in tutta la politica siciliana di Atene. Per l’altra motivazione, tenere in esercizio la flotta, vedi infra n. 53.

25  È stato W. R. Connor,Thucydides, Princeton, Princeton University Press, 1984, p. 120, nota 24, a sottolineare il curioso modo di esprimersi in IV, 65, 3 : ςξνατοςτνΣικελίᾳκαταστρψασθαι [...].

26  Questo punto è stato colto, contro l’interpretazione tradizionale come vittoria del « partito » di Cleone, da H. Wentker, op. cit. n. 16, p. 110 sq., e da D. Kagan, The Archidamian War, Ithaca / London, Cornell University Press, 1974, p. 181-186.

27 Cf. S. Cataldi, « I processi agli strateghi ateniesi della prima spedizione in Sicilia e la politica cleoniana », inM. Sordi (ed.), Processi e politica nel mondo antico, Milano, Vita e Pensiero, 1996 (CISA, 22), p. 37-63, alle p. 42-44.

28  Diodoro aggiunge (XII, 54, 4) che a Regio alle forze ateniesi si unirono 20 navi fornite dalla stessa Regio e dagli altri alleati, esplicitando ciò che almeno in parte è presupposto da Tucidide nel momento in cui riporta (III, 88, 1) che l’attacco alle Eolie fu condotto da una flotta di 30 navi ateniesi e reggine.

29  Probabilmente l’odierna Fiumara di Palizzi ad ovest di Capo Spartivento, secondo i risultati di un’accurata indagine topografica e archeologica di cui rende conto G. Cordiano, cf.G. Cordiano & S. Accardo, Ricerche storico-topografiche sulle aree confinarie dell’antica chora di Rhegion, Pisa, ETS, 2004, p. 68-78, con bibliografia precedente (due delle identificazioni alternative, Fiumara di Mélito e Fiumara di Piscopi, sposterebbero il confine più a ovest, l’altra, quella di Fiumara di Galati-Aranghìa proposta da C. Sabbione, « Note sul territorio di Locri », inLocri Epizefiri. Atti del XVI Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 3-8 ottobre 1976, Napoli, Arte Tipografica, 1977, p. 363-374, a p. 367-368, leggermente più a est).

30  Diodoro (XII, 54, 4-5) ricorda in ordine inverso i due episodi della conquista di Mile e dell’attacco al territorio locrese, integrando i dati tucididei con almeno due informazioni rilevanti : la prima è la cattura di cinque navi locresi ad opera di Atene (in linea con il frammento attribuito a Filisto di cui si dirà più avanti), la seconda è l’entità delle perdite, 1000 caduti e 600 prigionieri, subite dai difensori di Mile. Peraltro, queste due iniziative e la spedizione contro le Eolie che le precede sono gli unici eventi riportati dallo storico siceliota prima di riferire, con una decisa compressione cronologica, l’arrivo dei rinforzi ateniesi all’inizio del 425, la virtuale fine delle ostilità e l’accordo di pace di Gela del 424 (XII, 54, 6-7).

31  Quali le due tribù di Messeni cui è affidata la difesa di Mile (III, 90, 2) o il nome del comandante locrese Proxenos figlio di Kapaton (III, 103, 3 ; ma quasi certamente la forma corretta del nome è Καπρων, attestata da una dedica del V secolo da Locri, in cui compare anche il nome Πρξενος, riedita da O. Masson, « Quelques anthroponymes rares chez Thucydide », inM. J. Fontana, M. T. Piraino & F. P. Rizzo (eds.), Φιλαςχριν. Miscellanea di studi classici in onore di Eugenio Manni, Roma, G. Bretschneider, 1980, IV, p. 1479-1488, alle p. 1481‑1483, con fig. 2).

32  Sulle peculiarità che il racconto del sesto anno di guerra presenta in termini di organizzazione del materiale narrativo insiste C. J. Dewald, Thucydides’ War Narrative : A Structural Study, Berkeley / Los Angeles / London, University of California Press, 2005, p. 27-34 ; cf. T. Rood, Thucydides : Narrative and Explanation, Oxford, Clarendon Press, 1998, p. 111-115.

33  L’attribuzione a Filisto, proposta già dal primo editore G. Coppola, « Una pagina del ΠερΣικελας di Filisto in un papiro fiorentino », RFIC, 8 (1930), p. 449-466, è quella che raccoglie ancora oggi i maggiori consensi (cf. C. Bearzot, « Filisto di Siracusa », in Storici greci d’Occidente, p. 91-137, alle p. 110 sq. e 132 sq.). Una ricca bibliografia in M. Ameruoso, « In margine a P.S.I. XII 1283 (= Pack2, 1343) : un nuovo Antioco ? », ZPE, 128 (1999), p. 133-149.

34  La stessa forma scorretta del nome Χαροιδης riportato da Tucidide, e confermato dalla documentazione epigrafica ateniese, che leggiamo in Diodoro (XII, 54, 4) e possiamo presupporre in Pompeo Trogo (Gustino, IV, 3, 6 : Lachete et Chariade ducibus).

35  Mentre lo scontro che provoca la morte di Careade si è svolto molto probabilmente nelle acque di Camarina (da notare che il nome ρμινος, il fiume che delimita a est il territorio di Camarina, è ricostruibile con certezza nel fr. C del papiro). È merito di A. Momigliano, « Il nuovo Filisto e Tucidide », RFIC, 8 (1930), p. 467-470 (= Quarto contributo alla storia degli studi classici e del mondo antico, Roma, Ed. di Storia e Letteratura, 1969, p. 510-514), aver ravvisatola distinzione tra i due fronti di guerra della I colonna.

36  La communis opinio, ripresa ancora da M. Ameruoso, op. cit., p. 140, vuole che Tucidide abbia parlato della morte di Careade in III, 90, 2 perché solo qui ha avuto l’occasione di menzionare il comando solitario di Lachete e di spiegarne il motivo.

37 B. Bosworth, op. cit. n. 15, p. 52 sq., è appunto l’unico a datare gli eventi narrati nel fr. A del papiro all’estate del 426, sganciando l’accenno a Lipari dalla spedizione dell’inverno 427-426 registrata da Tucidide in III, 88, 1. Il primo ad aver visto che « il combattimento navale con cinque triremi locresi intorno alla foce dello Halex, di cui parla Filisto, non ha nulla a che fare con la presa del forte sullo Halex, che Tucidide (III, 99) pone nell’estate 426 » è G. Perrotta, « Il papiro fiorentino di Filisto », SIFC, 8 (1930), p. 311-315, a p. 313-314, seguito da S. Mazzarino, « Tucidide e Filisto sulla prima spedizione ateniese in Sicilia », BSC, 4 (1939), p. 5-72, alle p. 25 sq. Il tentativo di M. Ameruoso, op. cit. n. 33, di identificare le operazioni menzionate nel frammento papiraceo con quelle ricordate da Tucidide si scontra con numerose difficoltà, la principale delle quali è il dover ammettere, a proposito della cronologia della spedizione contro Mile, « che l’ordine di apparizione delle sequenze tucididee non va identificato con l’ordine cronologico » (p. 144). Ciò va a inficiare la proposta dello stesso Ameruoso di attribuire il papiro ad Antioco come fonte di Tucidide (la paternità antiochea del frammento è stata ritenuta possibile anche da R. van Compernolle, « Le P.S.I. XII, 1283 (=Pack2, 1343) : et pourquoi pas Antiochos de Syracuse ? », CE, 60 (1985), p. 347-357.

38 H. Stein, « Zur Quellenkritik des Thukydides », RhM, 55 (1900), p. 531-564, a p. 532.

39  « La colonizzazione della Sicilia in Tucidide », Maia, 6 (1953), p. 1‑20, a p. 8 (trad. tedesca « Die Kolonisierung Siziliens bei Thukydides », inH. Herter (ed.), Thukydides, Darmstadt, Wissenschaftliche Buchgesellschaft, 1968, p. 344-368).

40  Due ottime introduzioni ad Antioco, con ampia rassegna degli studi, sono fornite da N. Luraghi, Antioco di Siracusa, in Storici greci d’Occidente, p. 55-90, e C. Cuscunà, I frammenti di Antioco di Siracusa. Introduzione, traduzione e commento, Alessandria, Ed. dell’Orso, 2003, p. 1-21.

41 E. Wölfflin, Antiochos von Syrakus und Cœlius Antipater, Winterthur, Westfehling, 1872, p. 1-12. Cf., prima e dopo l’articolo già citato di K. Dover (op. cit. n. 39), G. M. Columba, « Miscellanea. Antioco, storico del V secolo », ASS, 14 (1889), p. 84-107, alle p. 103‑107; R. van Compernolle, Étude de chronologie et d’historiographie siciliotes : recherches sur le système chronologique des sources de Thucydide concernant la fondation des colonies siciliotes, Bruxelles / Rome, Palais des Académies et Académia Belgica, 1959, p. 468-500 ; N. Luraghi, « Fonti e tradizioni nell’archaiologìa siciliana (per una rilettura di Thuc. 6, 2-5) », in L. Braccesi (ed.), Hesperìa 2. Studi sulla Grecità di Occidente, Roma, L’Erma di Bretschneider, 1991, p. 41-62.

42 Cf. E. Wölfflin,ibid., p. 13-14 (che riconduce anche IV, 24, 5, con la notizia su Cariddi, all’autorità di Antioco), gli articoli già citati di G. M. Columba e K. Dover (quest’ultimo alle p. 8 sq.), R. van Compernolle, op. cit., p. 473-479, nonché H. D. Westlake, « Irrelevant Notes and Minor Excursuses in Thucydides », in Essays, p. 1-38, a p. 7, nota 17. Di diverso parere era F. Jacoby, che preferiva pensare ad un’origine ecataica delle notizie sulle Eolie contenute in III, 88 e riteneva che Pausania in X, 11, 3-4 avesse ampliato le notizie di Tucidide con quelle fornite da Antioco da lui conosciuto attraverso Polemone di Ilio : FGrHist, III B (Kommentar zu nr. 297-607), Leiden, Brill, 1955, Text, p. 490 sq., Noten, p. 292, nota 38, sostanzialmente seguito da A. W. Gomme, HCT, II, p. 389. Secondo C. Cuscunà, op. cit., la fonte di Pausania ha inserito le notizie sull’avventura cnidia desunte da Antioco in « una cornice di derivazione tucididea » integrata da un’illustrazione dei fenomeni naturali derivata da Teofrasto (p. 135, commento al F 14 della sua numerazione).

43 E. Wölfflin, op. cit., p. 17 sq.Anche F. Jacoby riteneva più verosimile che nelle parti narrative le informazioni arrivassero a Tucidide dai testimoni diretti (ibid., Text, p. 609, Noten, p. 354, nota 28).

44  Sull’incidenza di questo criterio nella storiografia greca vedi S. Ferrucci, s. v. ξιος, in Lexicon Historiograhicum Graecum et Latinum, II, Pisa, Edizioni della Normale, 2007, p. 52-59.

45 Op. cit. n. 39, p. 15.

46  « Sicily and Southern Italy in Thucydides », inA. Rengakos & A. Tsakmakis (eds.), Brill’s Companion to Thucydides, Leiden / Boston, Brill, 2006, p. 629-657, a p. 640.

47  Tucidide, VII, 25, 2, con le considerazioni di M. Frederiksen, intervento in Locri Epizefiri. Atti del XVI Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto, 3-8 ottobre 1976, Napoli, Arte Tipografica, 1977, p. 205 sq.

48  Come si è detto, è il primo fiume a segnare il confine fra i territori delle due città, ed è sicuramente frutto di errore l’affermazione di Pausania (VI, 6, 4) che è il Kaikinos (Καικνη nei manoscritti della Periegesi) a delimitare le rispettive chorai : vedi Pausania, Guida della Grecia, Libro VI, a cura di G. Maddoli, M. Nafissi e V. Saladino, Milano, Mondadori (Scrittori Greci e Latini, Fondazione L. Valla), 1999, p. 218. Il fiume si trovava ovviamente più vicino a Locri rispetto allo Halex, e se quest’ultimo è la Fiumara di Palizzi (supra n. 29) il Kaikinos dovrebbe corrispondere all’odierna Fiumara La Verde, come ha suggerito F. Costabile, « Culti e miti delle divinità fluviali : Euthymos, il Kaikinos ed Acheloos », inF. Costabile (ed.), I Ninfei di Locri Epizefiri. Architettura, culti erotici, sacralità delle acque, Soveria Mannelli, Rubbettino, 1991, p. 195-226, a p. 217(l’altra identificazione proposta, con la Fiumara di Amendolea, sarebbe invece coerente con la collocazione dello Halex alla Fiumara di Mèlito).

49 Cf. G. Cordiano, op. cit. n. 29, p. 33-39, 46-50.

50 Cf. C. Ampolo, « La funzione dello Stretto nella vicenda politica fino al termine della guerra del Peloponneso », s. n., Lo Stretto crocevia di culture. Atti del XXVI Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto / Reggio Calabria, 9-14 ottobre 1986, Taranto, ISAMG, 1987, p. 45-71, alle p. 69 sq. Privilegiano invece la prospettiva ateniese, fra gli altri, D. Kagan, op. cit.n. 26, p. 189-191, e G. Scuccimarra, « Note sulla prima spedizione ateniese in Sicilia (427-424 a. C.) », RSA, 15 (1985), p. 23-52, a p. 44.

51  « I contributi alla prima spedizione ateniese in Sicilia (427-424 a. C.) », PP, 42 (1987), p. 5-11.

52  Precisamente fin dall’estate del 428, in relazione all’assedio di Mitilene : Tucidide, III, 13, 3 e 19, 1, con L. Kallet-Marx, Money, Expense, and Naval Power in Thucydides’ History 1-5.24, Berkeley / Los Angeles / Oxford, University of California Press, 1993, p. 134 sq.

53  Se guardiamo alle cose da questo punto di vista, che privilegia, per così dire, il servizio prestato dalle forze navali ateniesi ai loro alleati, appare più sensata di quanto in genere non si creda una delle motivazioni fornite in III, 115, 4 per l’invio dei rinforzi, e cioè che gli Ateniesi volevano che la loro flotta si tenesse in esercizio (βουλμενοιμελτηντοναυτικοποιεσθαι).

54 Cf. infra n. 57.

55  Così H. Wentker, op. cit. n. 16, p. 127.

56  Questo dato, che conferma la fedeltà alla cronologia stagionale di svolgimento degli eventi, è sfuggito a G. S. Shrimpton, History and Memory in Ancient Greece, Montreal / Kingston / London / Buffalo, McGill-Queen’s University Press, 1997, quando afferma (p. 277) che in IV, 58-65 era passato più di un anno da quando erano arrivate le ultime notizie dalla Sicilia riportate in IV, 1. Ciò indebolisce la sua tesi (p. 269‑278) che vuole che alcuni eventi del teatro di guerra siciliano furono registrati da Tucidide nella loro corretta collocazione cronologica e altri nel momento in cui le relative informazioni arrivavano ad Atene.

57 Cf. Tucidide, IV, 24, 2 e 25, 3. Nonostante le riserve non del tutto immotivate di Gomme (HCT, III, p. 463 sq.), è difficile credere che Tucidide non stia qui parlando di una seconda invasione del territorio di Regio ad opera dei Locresi dopo quella ricordata come iniziata e conclusa in IV, 1, 3-4.

58 E. Wölfflin, op. cit. n. 41, p. 18, ha visto in queste particolarità lessicali, πκλω e ποσιμωσντων, la spia della dipendenza di Tucidide da Antioco anche dal punto di vista linguistico. Per l’interpretazione di ποσιμωσντωνκενωνκαπροεμβαλντων vedi CT, II, p. 183.

59  Adottata da B. Bosworth, op. cit. n. 15, p. 54 : Tucidide in esilio ha potuto consultare in merito l’ex stratego Pitodoro, anche lui esule, più facilmente di quanto non avrebbe potuto fare con Lachete, morto nel 418 a Mantinea. Ma dettagli marginali delle operazioni militari del 426 quali quelli ricordati supra, nota 31, hanno tutta l’aria di provenire da informazioni di chi vi aveva preso parte (cf. M. Frederiksen, intervento in op. cit. n. 47, p. 205).

60 T. Rood, op. cit. n. 32, p. 5 sq.

61 Cf. G. Cuniberti, Iperbolo ateniese infame, Bologna, Soc. Ed. Il Mulino, 2000, p. 53-59.

62  Le unità cronologiche stagionali con cui lavora Tucidide si rivelano in questo caso troppo comprensive per permetterci di stabilire una precisa successione degli eventi. Da un lato Pitodoro si trova a Regio, al rientro della flotta che aveva assaltato Imera, « nel corso dello stesso inverno » (III, 115, 1) nel quale Demostene ottiene la vittoria contro Ambracia, dall’altro lo stesso Pitodoro compie la sua prima azione, il fallito tentativo di conquistare il peripolion sullo Halex preso a suo tempo da Lachete, « alla fine dell’inverno » (III, 115, 6), mentre l’eruzione dell’Etna subito dopo è registrata come avvenuta « all’inizio di questa primavera » (III, 116, 1). L’impressione che se ne ricava è simile a quella suscitata dalla stretta contiguità cronologica, nell’estate del 427, fra la soluzione della vicenda corcirese e la decisione di inviare le 20 navi al comando di Lachete e Careade. Quella che rimane la ricostruzione cronologica più affidabile, elaborata da G. Busolt, Griechische Geschichte bis zur Schlacht bei Chaeroneia, III, 2, Gotha, Perthes, 1904 (che pure non arriva a istituire il collegamento suggerito nel testo), colloca l’inizio della campagna di Demostene contro Ambracia nel novembre (p. 1071) e la partenza di Pitodoro per la Sicilia nel dicembre del 426 (p. 1082).

63 G. Busolt, ibid., p. 1078 sq. e nota 5 ; cf. K. J. Beloch, Griechische Geschichte, II2 1, Strassburg, Trübner, 1914, p. 322 sq., eAristophanes, Acharnians, ed. with introduction and commentary by S. D. Olson, Oxford, Oxford University Press, 2002, p. XXXVIII. Secondo D. Kagan, The Archidamian War, Ithaca / London, Cornell University Press, 1974, p. 82 sq. e 193, invece, il silenzio di Tucidide induce a credere che Aristofane alludesse alle trattative che sarebbero state avviate nell’estate 430 (cf. Tucidide, II, 59, 2) ; ma se l’offerta di pace del 426 non fu seriamente presa in considerazione dagli Ateniesi il silenzio di Tucidide troverebbe una sua giustificazione.

64  Alcune allusioni nelle Vespe di Aristofane (240-244 ; 836-838 ; 891‑1008, ecc.), rappresentate nel 422, hanno indotto molti in passato a sostenere che Lachete (la cui carriera politica, nonostante l’evidente ostilità nei suoi confronti da parte di Cleone documentata da questa stessa commedia, continuò senza incidenti fino alla morte avvenuta nel 418 a. C. nella battaglia di Mantinea) subì un processo al rientro dalla Sicilia. Ma nel commento al F 127 di Filocoro, citato dallo scolio V al v. 240 delle Vespe (FGrHist, IIIb : Supplement, Leiden, Brill, 1954, I, p. 500 sq.), F. Jacoby ha dimostrato che l’attidografo non registrava alcun processo da lui subito (cf., nello stesso senso, P. Harding, The Story of Athens. The Fragments of the Local Chronicles of Attika, London / New York, Routledge, 2008, p. 123 sq., e I. Moneti, « Il presunto processo contro Lachete », CCC, 14 (1993), p. 245-254) ; e anche chi, come G. Mastromarco, Storia di una commedia di Atene, Firenze, La Nuova Italia, 1974, p. 57-64, ritiene che Lachete subì davvero un processo nel 422 intentatogli da Cleone, è costretto a sganciarlo del tutto dalla sua strategia in Sicilia. Al contrario, S. Cataldi, op. cit. n. 27, sostiene che processo vi fu, nel 425, anche se Lachete ne uscì assolto.

65 Cf. C. J. Dewald, op. cit. n. 32, p. 91 sq.

66 H.-P. Stahl, « Narrative Unity and Consistency of Thought : Composition of Event Sequences in Thucydides », inA. Rengakos & A. Tsakmakis (eds.), Brill’s Companion to Thucydides, Leiden / Boston, Brill, 2006, p. 301-334, a p. 327.

67 CT, II, p. 149.

68  Secondo S. Mazzarino, « Tucidide e Filisto sulla prima spedizione ateniese in Sicilia », BSC, 4 (1939), p. 18-20, III, 88 sarebbe stato aggiunto più tardi al corpo di una redazione più antica, nella quale i primi fatti militari erano quelli riportati in III, 90, per rendere conto di un evento, la spedizione alle Eolie, di cui Tucidide avrebbe appreso l’esistenza solo dopo la pubblicazione dell’opera di Antioco. Diversamente ancora T. Rood, op. cit. n. 32, p. 114, nota 22 : l’affermazione autoriale è collocata all’inizio di una stagione di guerra, là dove « affiora il problema strutturale ».

69  Quanto cospicua ? Le 60 navi di cui normalmente si parla si ottengono sommando alle 20 del 427 le 40 il cui invio fu deliberato alla fine del 426 (III, 115, 4), ma se le perdite subite dalla prima squadra erano state abbondantemente colmate dall’arrivo delle poche navi al comando di Pitodoro nello scorcio del 426 e dalle 5 catturate ai Locresi (supra, p. 294 e nota 30), il numero esatto delle navi comandate da Sofocle ed Eurimedonte passate da Pilo e da Corcira prima di approdare in Sicilia si è perduto in una lacuna di IV, 46, 1. Dubito che il testo di IV, 46, 1 possa essere difeso così com’è, secondo quanto proposto da J. Steup, « Thukydides, Antiochos und die angebliche Biographie des Hermokrates », RhM, 56 (1901), p. 443-461, alle p. 453 sq. (ripreso nel suo commento a Tucidide : IV3, Berlin, Weidmann, 1900, p. 95), ma ritengo comunque ingiustificato ipotizzare che il numero delle navi arrivate nel 425 possa essere sceso dalle 40 originariamente previste alle 10-12 a cui pensava Steup, seguito ora da S. Cataldi, « Atene e l’Occidente : trattati e alleanze dal 433 al 424 », in Atene e l’Occidente, p. 456 : l’inazione degli Ateniesi nei mesi successivi dipese da ragioni politiche più che militari, la condanna inflitta ai tre strateghi nel 424 dimostra che il demos ateniese, per quanto irrazionale possa essere stato il suo comportamento, nutriva sul loro intervento attese proporzionate alla consistenza delle forze messe in campo e Tucidide avrebbe avuto tutto l’interesse, per far emergere ancora più chiaramente l’insensatezza della condanna degli strateghi, a segnalare un così netto ridimensionamento dei propositi iniziali. Per le « poche navi » cui allude Ermocrate in IV, 60, 1 vedi infra p. 313 sq..

70 Cf. Diodoro, XII, 54, 7 : τοδπολμουχρονζοντοςοΛεοντνοιδιαπρεσβευσμενοιπρςτοςΣυρακοσουςδιελθησαν, eGiustino, IV, 3, 7 : sed Catinienses siue metu Atheniensium siue taedio belli pacem cum Syracusanis remissis Atheniensium auxiliis fecerant, con le osservazioni di H. Wentker, Sizilien und Athen. Die Begegnung der attischen Macht mit den Westgriechen, Heidelberg, Quelle u. Meyer, 1956, p. 118, e di S. Cataldi, op. cit. n. 69, p. 460 sq.

71 G. P. Landmann, Interpretation einer Rede des Thukydides : die Friedensmahnung des Hermokrates, Tübingen, Laupp, 1932, p. 12.

72  « Sphakteria », SPA (1921), p. 306-318 (=Kleine Schriften, III, Berlin, Akademie Verlag, 1969, p. 406-419), p. 311, citato da H.-P. Stahl, Thucydides : Man’s Place in History, trad. ingl., Swansea, The Classical Press of Wales, 2003, p. 26.

73 N. G. L. Hammond, «The Particular and the Universal in the Speeches in Thucydides, with Special Reference to that of Hermokrates at Gela », in P. A Stadter (ed.), The Speeches in Thucydides. A Collection of Original Studies, with a Bibliography, Chapel Hill, The University of North Carolina Press, 1973, p. 49-59.

74  Tucidide, IV, 65, 1 ; cf. S. Mazzarino, op. cit. n. 68, p. 48 sq. Per un acuto studio degli interessi di Camarina nell’entroterra siculo vedi M. Bell, III, « Camarina e Morgantina al congresso di Gela », s. n., Un ponte fra l’Italia e la Grecia. Atti del simposio in onore di Antonino Di Vita, Ragusa, 13-15 febbraio 1998, Padova, Bottega d’Erasmo, 2000, p. 291-297.

75  Polibio, XII 25k, 6-26 (=FGrHist 566 F 22), con G. P. Landmann, op. cit. n. 71, p. 16 sq.

76 Cf. S. Hornblower, CT, II, p. 220, con l’opportuno richiamo al congresso di Gela come probabile evento conclusivo dell’opera storica di Antioco. Non ha alcun supporto il sospetto adombrato da G. De Sanctis nella recensione al libro di Landmann, in RFIC, 12 (1934), p. 108 sq. (= Scritti minori, VI, 1, Roma, Ed. di Storia e Letteratura, 1972, p. 472 sq.), che Tucidide, facendo partecipare Ermocrate al congresso di Gela, abbia anticipato di molto il suo effettivo ingresso sulla scena politica.

77  Una qualità che lo fa rientrare in un ristretto novero di uomini del presente e del passato : Teseo, i Pisitratidi, Temistocle, Pericle, Archidamo e Brasida. Ma per più versi Ermocrate fa parte di una triade di eccellenza che comprende, oltre a lui, Temistocle e Pericle : cf. H. Leppin, Thukydides und die Verfassung der Polis. Ein Beitrag zur politischen Ideengeschichte des 5. Jahrhunderts v. Chr., Berlin, Akademie Verlag, 1999, p. 143-169.

78  Vedi supra n. 69.

79  Valga per tutti K. J. Dover, HCT, V, p. 412.

80  Il versante filosiracusano del progetto politico ermocrateo è stato sottolineato, da punti di vista radicalmente differenti riguardo alla ‘autenticità’ del discorso, da S. Mazzarino, op. cit. n. 68, p. 48-50 (il vero Ermocrate, diverso da quello tucidideo, puntava in realtà all’isolamento dell’elemento calcidese), e da H. Wentker, op. cit. n. 70, p. 125 sq. (Ermocrate intendeva realmente fondare su nuove basi, meno aggressive, l’egemonia politica siracusana). Ma potrebbe essere all’opera, come ha acutamente suggerito di recente C. Cuscunà (« Le poleis siceliote tra autonomia ed egemonia nei discorsi di Tucidide », inS. Cataldi (ed.), Poleis e politeiai. Atti del Convegno internazionale di Storia greca, Torino, 29-31 maggio 2002, Alessandria, Ed. dell’Orso, 2004, p. 153-163, alle p. 156 sq.), un consapevole parallelismo fra la Sicilia prefigurata da Ermocrate e una simmachia egemoniale modellata sulla Lega peloponnesiaca.

81 A. Rengakos, « Fernbeziehungen zwischen den thukydideischen Reden  », Hermes, 124 (1996), p. 396-417, a p. 408.

82  Histoire et raison chez Thucydide, Paris, Les Belles Lettres, 1956, p. 28 sq.

83 Das Geschichtswerk des Thukydides, Bonn, F. Cohen, 1919, p. 214 sq.

84 Cf. A. W. Gomme, HCT, III, p. 521.

85  « La prima spedizione ateniese nell’Occidente », RFIC, 13 (1935), p. 71 sq. (= Scritti minori, VI, 2, Roma, Ed. di Storia e Letteratura, 1983, p. 296 sq.).

86  « Pericle e la Sicilia », MAIB, 7 (1944-1945), p. 5-28 ; « Per la cronologia della spedizione “ periclea ” in Sicilia », BSC, 11-12 (1946‑1947), p. 5-15.

87  Vedi per tutti G. Maddoli, « Il VI e il V secolo a.C. », inE. Gabba & G. Vallet (eds.), La Sicilia antica, II, Palermo, Lombardi, 1980, p. 1-102, alle p. 67-74.

88  Sulla deformazione indotta nella prospettiva di Tucidide dai suoi « silenzi » sull’Occidente ha insistito di recente A. Corcella, « Atene e l’Occidente nella storiografia del V sec. a. C. », in Atene e l’Occidente, p. 53-70, alle p. 60-68.

89  La tendenza ad adoperare in modo indistinto la categoria geografica di Occidente, o a leggere in chiave di lontano Occidente le iniziative ateniesi che hanno per teatro la Grecia nord-occidentale, è più diffusa di quanto si possa credere a prima vista : vedi fra gli altri G. B. Grundy, Thucyidides and the History of his Age, London, John Murray, 1911, II, p. 349, D. Kagan, The Outbreak of the Peloponnesian War, Ithaca / London, Cornell University Press, 1969, p. 384-386, e S. Cataldi, Prospettive occidentali allo scoppio della guerra del Peloponneso, Pisa, ETS, 1990, p. 64 sq.

90 Cf. ora A. Missiou, « Democracy and Athenian Policy Towards Sicily in Thucydides », in Atene e l’Occidente, p. 99-116. Ma le ragioni compositive hanno indubbiamente un loro peso : come ha osservato E. Schwartz, op. cit. n. 83, p. 214, la collocazione della archaiologhia siciliana all’inizio della spedizione del 427 ne avrebbe fatto un puro excursus, « senza una chiara finalità e una particolare efficacia », mentre là dove si trova essa serve a denunciare in modo icastico il carattere sconsiderato dell’« avventura » in cui gli Ateniesi si stavano imbarcando.

91 M. H. Chambers, R. Gallucci & P. Spanos, « Athens’ Alliance with Egesta in the Year of Antiphon », ZPE, 83 (1990), p. 38-63. Nella discussione che ne è seguita merita una segnalazione, a favore di questa stessa lettura, S. E. Dawson, « The Egesta Decree IG I3 11 », ZPE, 112 (1996), p. 248-252.

92  « The Legacy of Xerxes : the Growth of Athenian Naval Power », in Atene e l’Occidente, p. 71-98.

93 Cf. in particolare M. Giangiulio, « Atene e l’area tirrenica in età periclea : forme e ideologie di un rapporto », Ostraka, 6 (1997), p. 323‑336.

94 Cf. M. Lombardo, « Conclusioni », in Atene e l’Occidente, p. 520‑524. Il 433 come punto di svolta della politica occidentale di Atene era già al centro della ricostruzione, per molti versi anticipatrice dei più recenti sviluppi storiografici anche per la datazione dei relativi documenti epigrafici, di H. D. Mattingly, « Athens and the Western Greeks : c. 500-413 bc » (apparsa nel 1969), in The Athenian Empire Restored : Epigraphic and Historical Studies, Ann Arbor, The University of Michigan Press, 1996, p. 259-280.

95  Un tema che affiora spesso nei discorsi, diretti o indiretti, in Tucidide — I, 36, 2 (Corciresi, cf. 44, 3), VI, 6, 2 (Segestani), VI, 10, 1 (Nicia, ma in subordine alla spedizione ateniese : cf. 11, 2-4), VI, 18, 1 (Alcibiade), VI, 34, 8 (Ermocrate), VI, 36, 4 (Atenagora), VI, 84, 1 (Eufemo) — e in Giustino, IV, 3, 5 (seu metu factae pridem a Syracusanis classis, ne Lacedaemoniis illae uires accederent)come motivazione per il primo intervento ateniese in Sicilia. Vedi in proposito H. D. Westlake, « Athenian Aims in Sicily, 427-424 BC », in Essays, p. 113-116.

96  Seguo su questo punto la ricostruzione di S. Cataldi, « I prescritti dei trattati ateniesi con Reggio e Leontini », AAT, 121 (1987), p. 63-72, da lui ripresa più volte, e da ultimo, con ampia bibliografia, in op. cit. n. 69, p. 421-427.

97  IV, 3, 4-7 : Catinienses quoque cum Syracusanos graues paterentur, diffisi uiribus suis auxilium ab Atheniensibus petiuere ; qui seu studio maioris imperii, quod Asiam Graeciamque penitus occupauerant, seu metu factae pridem a Syracusanis classis, ne Lacedaemoniis illae uires accederent, Lamponium ducem cum classe in Siciliam misere, ut sub specie ferendi Catiniensibus auxilii temptarent Siciliae imperium. Et quoniam prima initia frequenter caesis hostibus prospera fuerant, maiore denuo classe et robustiore exercitu Lachete et Chariade ducibus Siciliam petiuere ; sed Catinienses siue metu Atheniensium siue taedio belli pacem cum Syracusanis remissis Atheniensium auxiliis fecerant. Per una datazione al 433-432 vedi G. Maddoli, op. cit. n. 87, p. 71 sq.C. Ampolo, « La funzione dello Stretto nella vicenda politica fino al termine della guerra del Peloponneso », s. n., Lo Stretto crocevia di culture. Atti del XXVI Convegno di Studi sulla Magna Grecia, Taranto / Reggio Calabria, 9-14 ottobre 1986, Taranto, ISAMG, 1987, p. 45-71, p. 68, opera invece un collegamento con la spedizione di dieci navi comandate da Lampone e Senocrito in vista della fondazione di Turi (Diodoro, XII, 10, 4), mentre una datazione più bassa, addirittura al 431/0 in collegamento con la ricerca di alleanze operata da Ateniesi e Spartani in base a Tucidide, II, 7, 2 (ma in questo caso il silenzio di Tucidide rappresenta un’obiettiva difficoltà), è proposta da S. Cataldi, op. cit. n. 89, p. 144-150, ripreso in op. cit. n. 69, p. 432.

98 Cf. F. J. Brandhofer, Untersuchungen zur athenischen Westpolitik im Zeitalter des Perikles, Inaug.-Dissertation München, 1971, p. 126‑128.

99  Così A. Corcella, op. cit. n. 88, p. 64.

100  Per l’archaiologia vedi N. Luraghi, « La tirannide siceliota nell’Archaiologia di Tucidide », QS, 42 (1995), p. 35-63.

101  Così ancora A. Corcella, op. cit. n. 88, p. 67 sq.

102 S. De Vido, « Selinunte. Gli ultimi anni », inC. Antonetti & S. De Vido (eds.), Temi selinuntini, Pisa, ETS, 2009, p. 111-128, p. 119, nota 43 (con gli opportuni rimandi bibliografici).

103 IG I3, 123 (Meiggs-Lewis, 92).

104 Cf. Senofonte, Elleniche I, 1, 31 e Diodoro, XIII, 63, 1-2, con le osservazioni di G. Vanotti, « I rapporti fra la Persia e Siracusa. Il V secolo », inIdem & C. Perassi (eds.), In limine. Ricerche su marginalità e periferia nel mondo antico, Milano, Vita e Pensiero, 2004, p. 59-104, alle p. 95-101.

105  L’idea che il ruolo di assoluto rilievo di Ermocrate in Tucidide debba qualcosa alla sua carriera successiva al 411 merita di essere presa in considerazione ancor più di quanto sia stato fatto da H. D. Westlake, « Hermocrates the Syracusan », in Essays, p. 174-202, a p. 199, e da F. T. Hinrichs, « Hermokrates bei Thukydides », Hermes, 109 (1981), p. 46-59, alle p. 55 sq.

106 R. Vattuone, « Introduzione », in Storici greci d’Occidente, p. 11‑29, alle p. 17 sq.

107 W. R. Connor, Thucydides, Princeton, Princeton University Press, 1984, p. 120.

108 Op. cit. n. 95, p. 101-105.

109 K. A. Raaflaub, « Herodot und Thukydides : persischer Imperialismus im Lichte der athenischen Sizilienpolitik », inN. Ehrhardt & L.-M. Günther (eds.), Widerstand, Anpassung, Integration. Die griechische Staatenwelt und Rom. Festschrift für Jürgen Deininger zum 65. Geburtstag, Stuttgart, Steiner Verlag, 2002, p. 33, nota 76.

110 Cf. C. Ampolo, « Gli Ateniesi e la Sicilia nel V secolo : politica e diplomazia, economia e guerra », Opus, 11 (1992), p. 27.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Ugo Fantasia, « Strategie militari e strategie narrative in Tucidide : la Grecia occidentale nella guerra archidamica », Cahiers des études anciennes [En ligne], XLVII | 2010, mis en ligne le 07 avril 2010, consulté le 23 septembre 2014. URL : http://etudesanciennes.revues.org/126

Haut de page

Auteur

Ugo Fantasia

Università degli Studi di Parma

Haut de page

Droits d’auteur

© Cahiers des études anciennes

Haut de page
  • Logo Institut d’études anciennes
  • Logo Université Laval
  • Logo Directory of Open Access Journals
  • Revues.org