Navigation – Plan du site
Vitruve dans l'Antiquité

Architettura e iconismo : retorica dei genera dicendi e teoria degli ordini architettonici in Vitruvio

Cesare Marco Calcante
p. 119-139

Entrées d’index

Haut de page

Texte intégral

  • 1  Sulle teorie mimetiche delle arti visive cf. J. J. Pollitt, The Ancient View of Greek Art. Critici (...)
  • 2  Per una puntuale sintesi del dibattito e la relativa bibliografia cf. M. P. Pozzato, Semiotica del (...)
  • 3  Per la definizione di segno iconico cf. C. W. Morris, Signs, Language and Behavior, New York, Pren (...)
  • 4  « Semiotica figurativa e semiotica plastica », inL. Corrain & M. Valenti (eds.), Leggere l’opera d (...)
  • 5  Sull’iconicizzazione dell’architettura cf. P. Hamon, « Texte et architecture », Poétique 73 (1988) (...)

1La concezione mimetica che informa la teoria delle arti visive nell’antichità classica1 rende estremamente problematico lo statuto di un’arte per sua natura non mimetica come l’architettura. Un problema sotto certi aspetti analogo si è posto agli studiosi che nel corso del ‘900 tentarono di elaborare una semiotica delle arti visive2 : il concetto di segno iconico, caratterizzato da rapporto di somiglianza col referente3, sembrò fornire, in un primo momento, un modello descrittivo adeguato ; ben presto però ci si rese conto della sua inapplicabilità a forme di arte non iconica come l’astrattismo, per cui studiosi come A. J. Greimas4 hanno elaborato un diverso modello semiotico che concepisce la figuratività come un continuum, ai cui estremi si collocano l’astratto e l’iconico, inteso come massimo grado di densità figurativa in grado di indurre effetti di realtà. Diversa è invece la strada intrapresa dalla riflessione teorica sull’architettura documentata nel De architectura di Vitruvio : l’alto grado di densità figurativa che contraddistingue la pittura e la scultura classiche portò a concepire l’iconismo come tratto caratterizzante delle arti visive, con la conseguenza che anche un’arte visiva aniconica come l’architettura dovette essere integrata in una teoria iconica, un’operazione non priva di ambiguità che mirava a rimuovere una specificità percepita come imbarazzante alterità5.

  • 6  Sul linguaggio verbale, in particolare sul binomio res e uerba, come modello del sistema dell’arch (...)
  • 7  Ho trattato più approfonditamente questo problema in « The Verbal Icon : Rhetoric and the Visual A (...)
  • 8 Cf. J. M. Lotman, « Primary and Secondary Communication Modeling Systems »,inD. P. Lucid (ed.), Sov (...)

2L’estensione del modello iconico all’architettura non opera tuttavia esclusivamente attraverso la costruzione di una rete di analogie tra architettura e arti figurative ma coinvolge in misura determinante anche il testo verbale6. Tale strategia fa leva su una concezione iconica della letteratura che postula l’esistenza di un’analogia tra linguaggio verbale e linguaggio visivo7 ; siccome tuttavia l’analogia è leggibile in entrambi i sensi, il testo verbale, una volta iconicizzato, può fungere a sua volta da modello esplicativo dell’opera d’arte. La specularità che viene così a instaurarsi tra letteratura e arti porta a un interscambio di schemi concettuali tra i due ambiti e alla costruzione di un metalinguaggio comune. Tuttavia il ruolo giocato dal linguaggio visivo e da quello verbale in tale processo non è affatto paritetico : l’effetto estetico veicolato dalle arti visive deve essere codificato in un diverso linguaggio, quello verbale, che svolge la funzione di sistema modellizzante8 in grado di strutturare la percezione dell’opera d’arte.

  • 9  Sulle fonti della critica d’arte cf. J. J. Pollitt, op. cit., p. 10-67 ; S. Settis, « La trattatis (...)
  • 10  Sulla posizione di Vitruvio nei confronti della retorica cf. E. Romano, La capanna e il tempio : V (...)

3Nella costruzione di tale sistema giocò un ruolo strategico anche il metalinguaggio elaborato nell’ambito delle scuole di retorica, che a partire dall’epoca ellenistica assunsero una posizione di centralità nella formazione delle élite culturali e quindi, verosimilmente, anche degli autori di trattati sulle arti ; anche se il naufragio pressoché totale di tale produzione9 non ci consente di trarre conclusioni definitive in proposito, è significativo che Vitruvio (I, 1, 18) affermi di avere una formazione letteraria, pur senza pretendere di essere un retore o un grammatico di professione10. È quindi credibile che un metalinguaggio originariamente concepito per la descrizione della lingua letteraria abbia inciso anche sulla costruzione di un modello descrittivo delle arti visive.

  • 11  Sulla terminologia retorica in Vitruvio con particolare riguardo a I, 2, 1 cf. L. Callebat, « Rhét (...)
  • 12  Da cui mette in guardia giustamente P. Gros, « La rhétorique des ordres dans l’architecture classi (...)
  • 13  Censurato anche da Cicerone De oratore III, 97 : caueatis ne exilis, ne inculta sit uestra oratio  (...)
  • 14  Sui genera dicendi cf. C. Augustyniak, De tribus et quattuor dicendi generibus quid docuerint anti (...)
  • 15  Su cui cf. J. J. Pollitt, op. cit., p. 341-147, in part. sul decor in Vitruvio, p. 68-70 ; J. Onia (...)
  • 16  Sulla teoria degli ordini in Vitruvio si veda, oltre a J. Onians, op. cit., p. 33-40 ; B. A. Barle (...)

4Queste premesse giustificano un’indagine volta a identificare tracce di terminologia retorica in un trattato sull’architettura11, un’operazione senza dubbio allettante per lo studioso di retorica ma non priva di rischi12. I termini comuni al linguaggio della retorica e dell’architettura presentano spesso un’ampia distribuzione nel corpus dei testi classici ; per questo motivo chiedersi se essi siano stati mutuati dal linguaggio della retorica o se siano stati impiegati indipendentemente nei due ambiti è un quesito che, stante la natura gravemente lacunosa della documentazione, è destinato a rimanere senza risposta. L’indagine dovrebbe invece proporsi un diverso obiettivo, ossia di ricostruire, attraverso l’esame comparativo del lessico dell’architettura e della retorica, il metalinguaggio comune ai due ambiti. Precisiamo innanzitutto che la ricorrenza di uno stesso termine nel De architectura e nella trattatistica retorica non garantisce in alcun modo che esso sia parte di un metalinguaggio comune : quando, ad esempio, Vitruvio (III, 3, 11) definisce una colonna tenuis et exilis si avvale di un lessico che appartiene anche alla retorica ma che assume in questo contesto accezioni incompatibili con l’uso retorico : nella Rhetorica ad Herennium (IV, 14 e 16) l’adtenuatumdicendi genus, o tenue, secondo la terminologia di Cicerone (De oratore III, 199), e l’exile dicendigenus13 rappresentano rispettivamente la forma corretta e degenerata della stessa tipologia stilistica14, pertanto uno stile non potrebbe essere nel contempo tenuis ed exilis. Questo esempio deve indurre lo studioso a una notevole cautela nell’istituire rapporti tra lingua della retorica e dell’architettura : va infatti evitata la pratica tipica della « filologia delle concordanze », che costruisce fragili reti di rapporti intertestuali fondate su isolati prelievi lessicali, con scarsa considerazione non solo dell’immediato contesto ma, aspetto non meno rilevante, degli schemi concettuali sottesi alla terminologia. Per questo motivo lo studio delle convergenze tra la terminologia della retorica e dell’architettura dovrà identificare costellazioni di lessemi riconducibili a modelli descrittivi comuni alle due discipline. Un ambito di indagine particolarmente produttivo è rappresentato dalla dottrina vitruviana del decor15 e degli ordini architettonici16 che costituisce un complesso di notevole compattezza teorica e si presta a un esame comparativo sufficientemente sistematico con la retorica.

I. Il retroterra retorico

5Prima di procedere all’esame del testo di Vitruvio è opportuno premettere una breve sintesi di quegli aspetti della teoria retorica del decor e dei genera dicendi che risultano funzionali all’individuazione di possibili paralleli con il De architectura e alla loro corretta interpretazione.

Decor e varietà stilistiche

  • 17  Sul prepon cf. M. Pohlenz, « Τπρέπον. Ein Beitrag zur Geschichte des Griechischen Geistes », Klei (...)

6La prima sistematica codificazione del decor o prepon17 è documentata nella Rhetorica di Aristotele (1408a 10 sq.), dove vengono fissati come principi dell’appropriatezza la proporzionalità tra stile e temi, che impone, ad esempio, di non parlare con gravità di soggetti banali, e la congruenza dello stile con lo stato patemico (pathos) e il carattere dell’oratore (ethos : età, sesso, gruppo etnico). Questa diversa modulazione dello stile in relazione al referente del discorso e al suo emittente comporta come corollario l’opzione per un modello pluristilistico, che troverà la sua compiuta sistematizzazione nella più tarda teoria dei tre stili, di cui Cicerone offre una sintesi esemplare in Orator 20 : lo stile alto, contraddistinto da magniloquenza, gravità dei concetti e solennità del lessico, da veemenza, varietà, ricchezza, gravità, si scinde in due sottotipi : il primo aspro e privo di strutturazione periodica, il secondo levigato e periodico. Analogamente, lo stile tenue, caratterizzato da chiarezza, sottigliezza e concisione (subtili quadam et pressa oratione limati[scil. oratores] : « raffinati per sottigliezza e concisione dello stile »), prevede una forma semplice e una artificiosa, che concede maggiore spazio all’ornatus (florentes etiam et leuiter ornati: « inoltre fioriti e alquanto ornati »). La diversa incidenza dell’ornatus struttura il sistema sull’opposizione tra due tipologie stilistiche a diverso grado di artificiosità : lo stile alto artificioso si oppone allo stile tenue semplice ; lo stile alto semplice si oppone allo stile tenue artificioso, secondo il seguente schema :

STILE ALTO (+ ornatus) vs STILE TENUE (- ornatus)

STILE ALTO (- ornatus) vs STILE TENUE (+ ornatus)

  • 18 Orator 100 : humilia subtiliter et alta grauiter et mediocria temperate potest dicere ; cf. anche O (...)

7L’opposizione è neutralizzata da uno stile intermedio (medius) che si qualifica come mediocritas (De oratore III, 199) e nasce dal contemperamento dei due estremi (Orator 21 : temperatus). Le tipologie stilistiche così identificate risultano tutte e tre accettabili né sussiste tra di esse alcun rapporto gerarchico : infatti l’oratore che coltivasse il solo stile elevato, che pure suscita nell’uditorio la massima ammirazione (Orator 97), senza tuttavia essere in grado di padroneggiare gli altri due stili, sarebbe degno del massimo disprezzo (99). Il sistema dei tre stili ha il suo fondamento nel principio del decor, che impone di variare lo stile in relazione al soggetto del discorso e alla persona dell’oratore e dell’ascoltatore (71) ; di qui la norma che identifica l’oratore ideale in colui che è in grado di trattare « i temi umili con stile sottile, quelli elevati con solennità, quelli medi con stile misurato »18, cioè di utilizzare in modo appropriato tutti e tre gli stili.

  • 19 K. Pohl, Die Lehre von den drei Wortfügungsarten. Untersuchungen zu Dionysios von Halicarnass, De c (...)

8In epoca augustea un fondamentale contributo alla stilistica è dato dalla teoria dei tria genera compositionis elaborata da Dionigi d’Alicarnasso nel De compositione uerborum19 (22 sq.) ; il retore oppone a una compositio uerborum austera, caratterizzata dall’asprezza fonica derivante dallo iato, dalla violazione della simmetria periodica e dalla propensione per l’arcaismo, una compositio uerborum levigata, che privilegia l’effetto eufonico della sinalefe e la strutturazione rigorosamente simmetrica dei periodi ; come in Cicerone, l’opposizione tra due tipologie stilistiche a diverso grado di artificiosità viene neutralizzata da uno stile intermedio, che Dionigi, contrariamente a Cicerone, considera superiore agli altri due perché rappresenta una sorta di aristotelica mesotes (24, 2).

Prepon e mimesis

  • 20  Su cui cf. D. T. Benediktson, op. cit., p. 108-120 ;S. Halliwell, op. cit., p. 293-296.
  • 21  Ho esaminato più in dettaglio questo passo in Eufonia e onomatopea. Interpretazioni dell’iconismo (...)
  • 22  Prevale in Aristotele una concezione simbolica della lingua, cf. De interpretatione 16a 3-8 e M. K (...)

9Anche in Dionigi le varietà stilistiche sono funzionali alla precettistica sul prepon, con una importante differenza rispetto al precedente ciceroniano : Dionigi rilegge il prepon alla luce della teoria della mimesis20, elaborando una interpretazione mimetica del rapporto tra stile e temi o stato patemico dell’emittente. Nel capitolo dedicato al prepon (20, 4) il retore afferma che la compositio uerborum riflette lo stato emotivo del parlante21 ; lo stesso fenomeno si verifica quando si raccontano eventi a cui abbiamo assistito (20, 6) : pur permanendo nello stesso stato emotivo, non utilizziamo la stessa compositio uerborum ma ci facciamo imitatori dei fatti raccontati ; per questo motivo non solo il buon poeta ma anche il buon oratore devono mimare i referenti del discorso sia con la selezione che con la combinazione delle parole. Questa interpretazione segna il superamento della dottrina aristotelica, in cui la mimesis è tratto caratterizzante della poesia mentre coinvolge solomarginalmente il discorso oratorio : secondo Aristotele (Rhetorica 1404a 20 sq.), la concezione della parola come mimema è tipica del linguaggio poetico e caratterizzava la prosa solo ai suoi primordi22 ; in Dionigi, al contrario, la mimesis viene integrata a tutti gli effetti nel sistema della retorica sotto la categoria del prepon. Questa peculiarità della dottrina dionisiana trova spiegazione nella particolare natura della retorica di epoca augustea, che non si configura più come semplice codificazione del discorso oratorio ma assume ormai i contorni di una teoria della letteratura in grado di abbracciare molteplici tipologie di discorso, quali poesia, storiografia, filosofia. La retorica elabora così schemi concettuali trasversali applicabili contemporaneamente alla prosa e alla poesia : gli stessi genera compositionis vengono esemplificati da una vasta gamma di autori che vanno da Pindaro e Tucidide, per la compositio austera, a Saffo e Isocrate, per quella levigata. È evidente che in un sistema retorico così concepito risulta assai difficile mantenere una netta linea di demarcazione tra poetica e retorica, col risultato che una teoria tipica della poetica, come la mimesis, confluisce nella retorica.

II. Retorica e teoria degli ordini architettonici

  • 23  Va riconosciuto a J. Onians, op. cit., p. 38-39 il merito di aver colto le analogie tra teoria deg (...)

10Le elaborazioni dei retori in materia di decor, mimesis e varietà stilistiche costituiscono il retroterra, non sempre adeguatamente valorizzato dalla critica, della teoria vitruviana degli ordini architettonici23. Vitruvio affronta la descrizione dei genera architettonici secondo una duplice prospettiva : nel I libro, nel contesto della trattazione sul decor, prevale un’ottica sincronica e sistematica, a cui fa seguito, nel IV libro, una prospettiva diacronica che individua l’origine degli ordini architettonici in un processo mimetico. Per quanto l’ottica sincronica e quella diacronica risultino complementari, la loro sovrapposizione dà luogo a problematiche e tensioni non pienamente risolte.

Ildecor : un approccio sincronico agli ordini architettonici

11La codificazione dei genera architettonici prende corpo nel contesto della dottrina del decor che prescrive di utilizzare il genus doricum nei templi dedicati a divinità come Minerva, Marte ed Ercole « in ragione della loro uirtus guerresca » (propter uirtutem, I, 2, 5) ; a Venere, Flora, Proserpina e alle ninfe si confà invece il genus corinthium « a causa della delicatezza » (propter teneritatem) che le contraddistingue ; in onore di Giunone, Diana e Libero Padre devono essere eretti templi ionici, in ossequio al criterio della mediocritas. Lo schema elaborato da Vitruvio presenta una palese analogia con le categorie applicate dai retori all’analisi della congruenza tra discorso ed ethos dell’oratore : il codice architettonico deve essere utilizzato in conformità con l’ethos della divinità a cui è consacrato il tempio, ad esempio la uirtus oppure la teneritas, che, come dimostra il confronto con IV, 1, 8 propter aetatis teneritatem (« a causa della delicatezza dell’età ») fa riferimento all’età, una delle categorie della tipologia aristotelica dell’ethos, non senza però un riferimento alla costituzione fisica, un aspetto che risulterà centrale nell’excursus del IV libro sull’origine degli ordini. Il codice architettonico svolge dunque una funzione omologa al codice stilistico, mentre la divinità occupa la stessa posizione dell’emittente del discorso oratorio : in entrambi i casi l’uso del codice è regolato dal principio dell’ethos, sia esso dell’oratore o della divinità.

  • 24  Per questo motivo non mi sembra del tutto pertinente il parallelo con Cicerone, De oratore III, 19 (...)
  • 25 Incerta [...] caementa. La stessa analogia ricorre in Demetrio, De elocutione13.
  • 26  Sull’uso di gracilis nella lingua delle arti cf. J. J. Pollitt, op. cit., p. 194-196.
  • 27  Fr. 322 Funaioli = Gellio VI, 14, 6 ; questa convergenza tra la terminologia vitruviana degli ordi (...)
  • 28  Cicerone, Orator 21 ; 53 ; 98 ; 101.

12Ulteriori convergenze tra modelli retorici e architettonici emergono dall’analisi dell’opposizione tra gli ordini. Il genus doricum presenta una bassa incidenza di elementi ornamentali : è infatti sine deliciis (« senza ornamenti »), termine utilizzato da Cicerone (Orator 39) per indicare lo stile artificioso di Teodoro di Bisanzio ; al contrario l’ordine corinzio è « ornato di foglie e volute » (foliisque et uolutis ornata opera). Il sistema degli ordini è dunque costruito su un’opposizione binaria : – ornatusvsornatus del tutto analoga a quella che struttura la lingua letteraria24. Questo sistema trova ulteriori elementi di riscontro nel De compositione uerborum di Dionigi d’Alicarnasso, che oppone a un genus compositionis semplice e austero un genus compositionis artificioso e levigato. La convergenza tra il sistema degli ordini architettonici e dei generacompositionis è spiegata anche dall’analogia istituita da Dionigi tra compositio uerborum e architettura : il retore (22, 2) paragona la compositio uerborum austera, caratterizzata da iati che creano « spazi » tra le parole, a una struttura muraria formata da pietre grezze e non levigate, una descrizione che sembra richiamare lo structurarum genus incertum (Vitruvio, II, 8, 1), un tipo di opera muraria formata da « pietre di forma irregolare »25. Ulteriori qualificazioni consentono di precisare meglio la natura dell’opposizione tra ordini architettonici : l’ordine dorico viene descritto come seuerus, termine che ricorre nelle caratterizzazioni retoriche dello stile elevato, ad esempio in Cicerone (Orator 53) che classifica tra i cultori dello stile grave gli oratori che perseguono duritia e seueritas dello stile. Al contrario, l’ordine corinzio è gracilis26, lessema che identifica il tenue dicendi genusnella tipologia varroniana dei genera dicendi : uber, gracilis, mediocris27 ; l’ordine corinzio è altresì floridus, termine che rinvia al cliché dell’ornatus retorico come flos (Cicerone, De oratore III, 96) e descrive la forma artificiosa dello stile tenue in Cicerone Orator 20. Come nel sistema degli stili, così anche in quello degli ordini architettonici l’opposizione tra i due estremi viene neutralizzata da un termine intermedio, il genus ionicum, che, come il genus medium ciceroniano (De oratore III, 199), rappresenta la mediocritas ; l’idea di equidistanza dell’ordine ionico è espressa anche da temperabitur, che richiama la definizione ciceroniana dello stile medio come temperatus28.

13Il confronto tra il sistema dei genera architettonici e quello dei genera dicendi fa emergere una rete di convergenze che coinvolge nel contempo gli schemi concettuali e la terminologia e che viene a costituire una griglia di lettura comune ad architettura e retorica. L’architettura viene descritta in un metalinguaggio e secondo categorie omologhe a quelle che governano il testo verbale, quali il criterio della congruenza tra linguaggio ed ethos e l’opposizione tra codici a diverso grado di artificiosità.

La mimesis : diacronia ed etiologia degli ordini architettonici

  • 29  Il valore etiologico dell’excursus è stato opportunamente sottolineato da P. Gros, « Vitruve : l’a (...)
  • 30  Sul corpo umano come modello architettonico cf. J. Rykwert, The Dancing Column. On Order in Archit (...)
  • 31  La colonna dorica non si costituisce in ordine se non quando gli Ioni le hanno dato proporzioni fo (...)
  • 32  Non senza motivo si è potuto ravvisare in questa descrizione un riferimento alla scultura di figur (...)

14L’approccio diacronico al sistema degli ordini architettonici elaborato da Vitruvio nel IV libro fonda la tipologia delineata nel I libro nel quadro di una teoria della mimesis29. L’inizio dell’excursus (IV, 1, 3), che fa risalire l’origine del genus doricum al tempio edificato da Doro in onore di Hera, sembra però incrinare la compattezza del sistema degli ordini, in quanto, in conformità col principio del decor, i templi consacrati a Giunone dovrebbero essere di ordine ionico (I, 2, 5). Vitruvio precisa tuttavia che tale invenzione fu frutto del caso e che all’epoca non esisteva ancora « il calcolo delle relazioni modulari » (IV, 1, 3) ; la codificazione del genus doricum avvenne solo in un secondo momento, ad opera degli Ioni, che utilizzarono come unità di misura il piede dell’uomo e lo riportarono in altezza, costruendo colonne che erano alte sei volte il diametro della base del fusto (IV, 1, 6)30. È chiaro quindi che la fortuita scoperta di Doro si colloca in una fase antecedente alla codificazione del genus doricum31 e non sorprende che esso non si conformasse ancora al principio del decor ; l’origine dell’ordine dorico si pone dunque al di qua della storia dei genera architettonici codificati e ne rappresenta, per così dire, solo la preistoria. La storia degli ordini inizia con il tempio eretto dagli Ioni in onore di Apollo Panionio, il primo a rispettare i rapporti modulari del genus doricum. L’impiego del piede umano come unità di misura riporta l’origine degli ordini architettonici a un procedimento mimetico che conferisce alla colonna dorica le caratteristiche proprie del corpo virile : proporzione, solidità e bellezza (IV, 1, 6). L’interpretazione mimetica degli ordini architettonici diventa più esplicita nel seguito dell’excursus : l’origine del genus ionicum viene fatta coincidere col tempio edificato dagli Ioni a Diana (7), le cui colonne presentavano un aspetto più slanciato, conforme alla « esilità del corpo femminile » (muliebrem... gracilitatem), perché il diametro della base era l’ottava parte dell’altezza ; inoltre venne sottoposta al letto inferiore del fusto una base a « mo’ di calzare », furono collocate a destra e a sinistra del capitello delle volute « come boccoli arricciati pendenti dalla capigliatura », si ornò la parte frontale con modanature e festoni « a mo’ di capelli » e si fecero scendere lungo il fusto scanalature « come pieghe di una stola matronale ». L’intera descrizione è costruita su una rete di analogie, segnalate dai connettivi pro e ut, che istituiscono una relazione isomorfica tra strutture architettoniche e referenti esterni, appartenenti al modello del corpo e del cultus femminili. Questo procedimento mira a costruire un livello figurativo isomorfo a quello plastico32 : il risultato è l’iconicizzazione di un linguaggio visivo in sé aniconico come quello architettonico.

  • 33  Su questo concetto chiave della teoria mimetica dell’arte cf. J. J. Pollitt, op. cit., p.125-138. (...)

15Vitruvio istituisce dunque una distinzione tra due codici architettonici : uno virile, spoglio e privo di ornatus, l’altro femminile, sottile e ornato ; la tipologia ricalca l’opposizione ‑ ornatus vs+ornatus su cui è costruito il sistema dei genera architettonici del I libro, iconicizzandolo mediante la relazione mimetica che si viene a instaurare tra linguaggio architettonico e corpo umano. Nella trattazione sul genus corinthium la concezione mimetica sottesa alla teoria dell’origine degli ordini viene esplicitata dal lessema imitatio : la colonna corinzia « imita l’esilità della vergine » (uirginalis habet gracilitatis imitationem, IV, 1, 8). Riemerge in questo contesto una rete di lessemi che avevano caratterizzato l’ordine corinzio nella tipologia del I libro : la delicatezza (teneritas), l’esilità delle membra (gracilioribus membris) e la maggiore incidenza dell’ornatusrispetto agli altri due ordini. Il sistema delineato da Vitruvio prevede dunque una polarità maschile vs femminile, coincidente con la distinzione tra genus doricum e genus ionicum, con ulteriore scissione del polo « femminile » in « matronale » (corrispondente al genus ionicum) e « virginale » (corrispondente al genus corinthium). La tripartizione virile-matronale-virginale ha evidentemente la funzione di adattare lo schema bipolare maschile vs femminile alla tripartizione dei genera architettonici : se si considera infatti che nella tipologia del I libro genus doricum e genus corinthium rappresentano i due termini estremi dell’opposizione, mentre il genus ionicum funge da elemento neutro, nel modello del corpo umano « virile » e « virginale » vengono a costituire i due poli opposti, mentre « matronale » rappresenta l’elemento intermedio. Lo sfruttamento delle potenzialità esplicative del modello antropomorfico non è per altro esclusivo di Vitruvio, ma presenta puntuali paralleli con la teoria della compositio uerborum : Dionigi definisce « virili » i ritmi della compositio austera (De Demosthene39, 1) e « virginale » il lessico della compositiolevigata (Decompositione uerborum 23, 4), evitando però di estendere l’analogia del corpo umano allo stile medio, operazione che avrebbe portato alla creazione di un termine intermedio non privo di ambiguità. L’interpretazione iconica degli ordini architettonici viene portata ancor più a fondo nell’aneddoto etiologico sull’origine del capitello corinzio (IV, 1, 9-10), dove si assiste a un’espansione narrativa dell’analogia della vergine : lo scultore Callimaco avrebbe osservato le foglie e gli steli spuntati da una radice di acanto che si trovava per caso sotto un cestino contenente le suppellettili di una giovinetta morta prematuramente ; lo scultore avrebbe notato la delicatezza (teneritas) delle foglie nate attorno al cestello e si sarebbe ispirato a questo modello (exemplar) per costruire delle colonne a Corinto. La genesi dei due tratti caratterizzanti del genus corinthium, la virginalità e la delicatezza, viene motivata da un procedimento imitativo, che completa la strategia di iconicizzazione del codice architettonico corredandolo di un piano figurativo costruito su referenti mutuati dal mondo naturale. Nella concezione di Vitruvio, l’architettura deve infatti trasporre nella costruzione degli edifici elementi tratti « dalle vere leggi della natura » (a ueris naturae deducta moribus, IV, 2, 6) prendendo a proprio modello la ueritas33. Questo progetto di iconizzazione dell’architettura così sistematicamente perseguito si spiega alla luce della preferenza accordata da Vitruvio a codici visivi ad alta densità iconica e figurativa : la pittura è imago di ciò che esiste o può esistere (VII, 5, 1), come uomini, edifici, navi ; per questo Vitruvio stigmatizza come monstra (VII, 5, 3) linguaggi pittorici che, invece di trarre « i loro modelli da oggetti reali » (ex ueris rebus exempla), costruiscono composizioni di oggetti che non esistono né possono esistere, come ad esempio una canna che sostiene un tetto, e coerentemente con questa concezione esprime la sua disapprovazione per i dipinti che non si conformano alle leggi della verosimiglianza (similes ueritati VII, 5, 4). Una concezione che privilegia linguaggi visivi in grado di produrre effetti di realtà, rende problematico lo statuto di un’arte aniconica come l’architettura e motiva una complessa strategia di iconicizzazione finalizzata a integrarla in una teoria mimetica delle arti.

III. Diacronia e sincronia del sistema : complementarità e tensioni irrisolte

16Le due diverse letture del sistema dei genera architettonici sono, a rigore, complementari, in quanto l’ottica diacronica delinea un’etiologia che costituisce il presupposto della tipologia sincronica. I due modelli, pur costituendo due aspetti di una stessa teoria, non risultano però perfettamente sovrapponibili ed entrano talora in tensione mettendo a nudo attriti e criticità non pienamente risolti.

Decor e mimesis

17La ricorrenza, nell’excursus del IV libro, di una terminologia e di schemi concettuali già introdotti nella tipologia degli ordini del I libro suggerisce una lettura in parallelo dei due passi. Abbiamo visto come nell’excursus storico riemerga l’opposizione tra codici architettonici a diversa incidenza dell’ornatus e ricorrano termini come gracilis e tener già presenti nella tipologia del I libro ; la funzione dell’excursus etiologico è di iconicizzare il sistema sincronico dei genera architettonici attraverso il ricorso al modello del corpo umano che opera come una sorta di piano figurativo isomorfo a quello plastico. È quindi evidente che il sistema diacronico, fondato sulla mimesis, e la tipologia sincronica, imperniata sul decor, vengono a sovrapporsi ; il risultato di questa complessa operazione teorica è che il decor viene a configurarsi come un rapporto mimetico tra il genus architettonico e la divinità : le strutture plastiche del linguaggio architettonico risultano isomorfe all’ethos della divinità, che fornisce il supporto referenziale funzionale all’iconicizzazione. Così, il virile ordine dorico viene correlato a divinità maschili, come Marte ed Ercole ; l’ordine ionico, femminile e matronale, a divinità che presentano caratteri congruenti, come Diana e Giunone ; il virginale ordine corinzio a divinità come Venere, Flora e Proserpina. Modello diacronico e modello sincronico vengono quindi a combaciare determinando una sovrapposizione tra mimesis e decor che trova un corrispettivo nell’integrazione della mimesis nella categoria del prepon attuata da Dionigi d’Alicarnasso.

  • 34 Cf. J. Rykwert, op. cit., p. 261.

18Ciò detto, non si può però affermare che la sovrapponibilità dei due modelli risulti perfetta : l’ordine dorico, esemplato sul modello del corpo maschile, viene considerato appropriato anche a una divinità femminile come Minerva ; in questo caso l’isomorfismo tra ordine architettonico e divinità non si fonda anche sul modello del corpo, come nel caso di Marte ed Ercole, ma esclusivamente sull’ethos, ossia sulla uirtus che accomuna Minerva alle divinità maschili ; è evidente che in questo caso si assiste a un indebolimento dell’isomorfismo tra linguaggio architettonico e referente che si traduce in una minore densità iconica e in un relativo spostamento verso un maggiore grado di astrazione. Analoghe considerazioni si applicano alla correlazione tra il femminile ordine ionico e LiberPater, una divinità che, pur assumendo in talune rappresentazioni un carattere femmineo ed ermafrodito34, non può comunque essere fatta rientrare a tutti gli effetti nel polo « femminile ». Il decor, pur nella sua fondamentale iconicità, si caratterizza dunque per un grado di densità iconica inferiore alla mimesis e consente di fornire un modello esplicativo anche per le correlazioni debolmente isomorfe, operazione imposta dall’oggettiva difficoltà di elaborare una teoria iconica di un’arte intrinsecamente aniconica come l’architettura.

Storia e assiologia degli ordini architettonici

19Il mutamento del sistema degli ordini architettonici sull’asse diacronico si sviluppa secondo tre direttrici : l’incremento del tasso di ornatus, che determina il passaggio da genera architettonici disadorni a genera più ornati ; un mutamento dei rapporti modulari che si traduce in un graduale assottigliamento della colonna e in un ammorbidimento del linguaggio architettonico che da seuerus si fa tener ; il graduale affinamento del gusto che porta a prediligere forme maggiormente improntate al principio della elegantia (IV, 1, 8). Questo modello evoluzionistico dell’architettura istituisce in una prima fase un’opposizione tra genus doricum, virile e disadorno, e genusionicum, femminile, ornato e subtilis ; se si tiene conto che nella teoria ciceroniana (Orator 20) la compresenza di subtilis e di ornatus configura una forma di stile tenue artificioso, si direbbe che il genus ionicum ne rappresenti l’equivalente architettonico. Tuttavia la situazione subì un rapido mutamento : con l’avvento del genus corinthium, che prende a modello il corpo virginale, si assiste a un ulteriore incremento della gracilitas e alla nascita di un linguaggio architettonico improntato alla teneritas ; il genus ionicum viene allora superato nel tasso di ornatus dal genus corinthium e viene ora a occupare una posizione intermedia all’interno del sistema.

  • 35  La riconduzione a uno schema sincronico della diacronia dei genera compositionis è stata sottoline (...)

20L’incremento di subtilitas e elegantia non determina solo la nascita di nuovi linguaggi architettonici ma opera anche all’interno di quelli già esistenti : antecedentemente all’invenzione del genus corinthium, il progresso nell’elegantia e nella subtilitas aveva già imposto una modifica dei rapporti modulari negli ordini dorico e ionico con conseguente accentuazione della gracilitas (IV, 1, 8). Il sistema si muove dunque solidalmente e a diversi livelli in una direzione univoca che punta all’incremento di caratteri che raggiungeranno la loro forma estrema nell’ordine corinzio. Viene allora spontaneo chiedersi se uno schema così marcatamente evoluzionistico non fondi nel contempo un’assiologia che identifica nel genus corinthium la sua akmé. Una tale lettura sembra però poco plausibile : Vitruvio ricorda che Callimaco, l’inventore del capitello corinzio, venne qualificato dagli Ateniesi come catatexitechnos propter elegantiam et subtilitatem (« eccessivamente meticoloso a causa della sua eleganza e raffinatezza », IV, 1, 10), termine che segnala come valori in sé positivi come subtilitas ed elegantia possano essere portati all’eccesso ; l’incremento dell’ornatussembra quindi raggiungere un punto di rottura oltre il quale iniziauna parabola discendente. Per una migliore messa a fuoco del problema può risultare utile il confronto con la storia dell’oratoria delineata da Cicerone nel Brutus 27 sq. : fino alla generazione di Demostene gli oratori avevano utilizzato uno splendore, cioè un ornatus, naturale e non fucatus (« imbellettato », 36) ; la svolta, che segna l’inizio di una flessione (inflexit, 38), è rappresentata da Demetrio Falereo, che per primo ammorbidì lo stile rendendolo tener, ove la coincidenza anche terminologica con la caratterizzazione dell’ordine corinzio in Vitruvio dovrebbe fare riflettere. L’excursus ciceroniano dimostra come la transizione da un ornatus naturale a forme più morbide e artificiose segni il superamento dell’akmé del processo storico e può suffragare l’interpretazione secondo cui Vitruvio non collocasse il genus corinthium al vertice di una gerarchia degli ordini ma identificasse in esso il germe di una potenziale decadenza. Un’interpretazione assiologica non trova comunque riscontro nella tipologia del I libro, che non fissa alcun rapporto gerarchico tra i genera : ciascuno di essi presenta una specifica funzione regolata dal principio del decor ; così anche il disadorno e antico (IV, 1, 3) ordine dorico risulta funzionale alla costruzione di templi in onore di divinità belliche per le quali il più raffinato ordine corinzio risulterebbe inappropriato. Analogamente, nell’Orator ciceroniano non sussiste un rapporto gerarchico tra i tria genera dicendi, in quanto l’oratore ideale deve essere in grado di padroneggiarli tutti, utilizzandoli in relazione al tema trattato e alla natura dell’oratore e dell’uditorio ; anche nel sistema dionisiano dei genera compositionis la raffinata compositio levigata convive accanto a quella austera, disadorna e arcaizzante (De compositione uerborum 22, 6)35. Pertanto l’excursus del IV libro non è finalizzato a fondare una gerarchia degli ordini architettonici quanto a illustrare l’origine di quelli più artificiosi, che risulta comprensibile solo nel quadro di quel progressivo affinamento del gusto che segna lo sviluppo della civiltà umana. L’excursus sull’origine degli ordini rappresenta quindi la semplice proiezione sull’asse della diacronia di uno schema sincronico strutturato secondo un indice crescente di ornatus : genus doricum — genus ionicum — genus corinthium ; da un punto di vista sincronico il sistema è costruito sull’opposizione tra due codici caratterizzati rispettivamente dai tratti + ornatus e ornatus, con un termine intermedio che neutralizza l’opposizione ; lo stesso sistema viene successivamente presentato come successione diacronica dei tre ordini secondo un progressivo incremento dell’ornatus.

IV. Un metalinguaggio comune

  • 36  Questa proposta è stata formulata da J. Onians, op. cit., p. 38 ; dubbi in proposito sono avanzati (...)

21La rete di rapporti che legano sul piano della terminologia e degli schemi concettuali la teoria degli ordini architettonici alla retorica rende attraente l’ipotesi che essa fosse stata costruita sul modello dei genera dicendi36. Purtroppo la natura lacunosa della documentazione in nostro possesso non ci consente di verificare questa ipotesi pure in sé plausibile né di valutare l’eventuale apporto di Vitruvio all’elaborazione di un sistema di genera architettonici. Lo studioso moderno può solo limitarsi a constatare la presenza di sovrapposizioni e convergenze tra le lingue settoriali della retorica e dell’architettura che attingono a un metalinguaggio almeno parzialmente comune, fondato su termini ad ampia copertura referenziale applicabili a entrambe le discipline. Nella creazione di questo metalinguaggio dovette giocare un ruolo cruciale la formazione retorica degli autori di trattati sulle arti che potrebbe aver favorito il trasferimento alle arti visive di modelli originariamente concepiti per la descrizione della lingua letteraria, ma l’esatta consistenza di tale contributo rimane per noi difficile da determinare con esattezza.

Haut de page

Notes

1  Sulle teorie mimetiche delle arti visive cf. J. J. Pollitt, The Ancient View of Greek Art. Criticism, History, and Terminology, New Heaven / London, Yale University Press, 1974, p. 37-41 ; D. T. Benediktson, Literature and the Visual Arts in Ancient Greece and Rome, Norman, University of Oklahoma Press, 2000, p. 41-82 ; S. Halliwell, The Aesthetic of Mimesis : Ancient Texts and Modern Problems, Princeton / Oxford, Princeton University Press, 2002, p. 118-147.Tutte le trad. sono dell’A.

2  Per una puntuale sintesi del dibattito e la relativa bibliografia cf. M. P. Pozzato, Semiotica del testo. Metodi, autori, esempi, Roma, Carocci, 2001, p. 175-187.

3  Per la definizione di segno iconico cf. C. W. Morris, Signs, Language and Behavior, New York, Prentice-Hall, 1946, p. 191. Per un’introduzione all’iconismo cf. U. Volli, Manuale di semiotica, Roma / Bari, Laterza, 2001, p. 31-34.

4  « Semiotica figurativa e semiotica plastica », inL. Corrain & M. Valenti (eds.), Leggere l’opera d’arte : dal figurativo all’astratto, Bologna, Progetto Leonardo, 1991, p. 33-51.

5  Sull’iconicizzazione dell’architettura cf. P. Hamon, « Texte et architecture », Poétique 73 (1988), p. 3-26, a p. 12-14.

6  Sul linguaggio verbale, in particolare sul binomio res e uerba, come modello del sistema dell’architettura cf. Vitruvio. Architettura (dai libri I-VII), testo critico, traduzione e commento di S. Ferri, introd. di S. Maggi, Milano, Rizzoli, 2002, p. 88 sq. ; I. K. McEwen, Vitruvius. Writing the Body of Architecture, Cambridge / London, The MIT Press, 2003, p. 78 sq.

7  Ho trattato più approfonditamente questo problema in « The Verbal Icon : Rhetoric and the Visual Arts in the Stylistic Theory of Dionysius of Halicarnassus », inM. Cojannot-Le Blanc, C. Pouzadoux & É. Prioux (eds.), L’Héroïque et le champêtre. La théorie rhétorique des styles appliquée aux arts entre modèle analytique et schème explicatif, Atti del convegno internazionale, Paris, INHA, 17-20 marzo 2010 (in corso di stampa). Sulla funzione argomentativa dell’analogia cf. C. Perelman & L. Olbrechts-Tyteca, Trattato dell’argomentazione, (trad. it.) Torino, Einaudi, 1989, p. 393-394.

8 Cf. J. M. Lotman, « Primary and Secondary Communication Modeling Systems »,inD. P. Lucid (ed.), Soviet Semiotics : An Anthology,Baltimore, Johns Hopkins University Press, 1977.

9  Sulle fonti della critica d’arte cf. J. J. Pollitt, op. cit., p. 10-67 ; S. Settis, « La trattatistica delle arti figurative », inG. Cambiano, L. Canfora & D. Lanza (eds.), Lo spazio letterario della Grecia antica, Roma, Salerno editrice, 1993, p. 469-498, che sottolinea opportunamente anche il ruolo della retorica nel processo di costruzione della lingua della critica d’arte.

10  Sulla posizione di Vitruvio nei confronti della retorica cf. E. Romano, La capanna e il tempio : Vitruvio o dell’architettura, Palermo, Palumbo, 1987, p. 83.

11  Sulla terminologia retorica in Vitruvio con particolare riguardo a I, 2, 1 cf. L. Callebat, « Rhétorique et architecture dans le De architectura de Vitruve », in P. Gros (ed.), Le Projet de Vitruve : objet, destinataires et réception du De architectura, actes du colloque international organisé par l’École française de Rome, l’Institut de recherche sur l’architecture antique du CNRS et la Scuola normale superiore de Pise (Rome, 26-27 mars 1993), Paris, de Boccard, 1994, p. 31-46.

12  Da cui mette in guardia giustamente P. Gros, « La rhétorique des ordres dans l’architecture classique », Vitruve et la tradition des traités d’architecture. Fabricaetratiocinatio, Rome, École française de Rome, 2006, p. 157-171, a p. 156 ; P. Gros ha anche documentato la diversa valenza che asperitasassume nel De architectura e in retorica in « De la rhétorique à l’architecture », Ibid., p. 281-287.

13  Censurato anche da Cicerone De oratore III, 97 : caueatis ne exilis, ne inculta sit uestra oratio : « badate che il vostro discorso non risulti scarno e rozzo ».

14  Sui genera dicendi cf. C. Augustyniak, De tribus et quattuor dicendi generibus quid docuerint antiqui, Varsaviae, Panstwowe Wydawnictwo Naukowe, 1957 ; F. Quadlbauer, « Die generadicendi bis Plinius d. J. », WS 71 (1959), p. 55-111 ; G. Calboli, « From Aristotelianλέξιςto elocutio », Rhetorica 16 (1998), p. 47-80 ; C. M.Calcante, Genera dicendi e retorica del Sublime, Pisa / Roma, Istituti Editoriali e Poligrafici Internazionali, 2000 ; sulle forme degenerate cf. Cornifici, Rhetorica ad Herennium, Introduzione, testo critico, commento a cura di G. Calboli, Bologna, Pàtron, 1993, p. 294 ; P. Chiron, Un rhéteur méconnu : Démétrios (Ps.-Démétrios de Phalère). Essai sur les mutations de la théorie du style à l’époque hellénistique, Paris, J. Vrin, 2001, p. 166 sq. ; S. Salomone, « Stili e “ Parastili ” : deformazioni, caricature, tracce di teoria e prassi musicale nel περρμηνεας di Demetrio », FuturAntico 2 (2005), p. 199-241.

15  Su cui cf. J. J. Pollitt, op. cit., p. 341-147, in part. sul decor in Vitruvio, p. 68-70 ; J. Onians, Bearers of Meaning. The Classical Orders in Antiquity, the Middle Ages, and the Renaissance, Princeton, Princeton University Press, 1988, p. 36-39. Cf. infra p. 228-236, 289-292.

16  Sulla teoria degli ordini in Vitruvio si veda, oltre a J. Onians, op. cit., p. 33-40 ; B. A. Barletta, The Origins of the Greek Architectural Orders, Cambridge, Cambridge University Press, 2001, p. 1-10.

17  Sul prepon cf. M. Pohlenz, « Τπρέπον. Ein Beitrag zur Geschichte des Griechischen Geistes », Kleine Schriften, Hildesheim, Olms, 1965, p. 100-139 ; L. Cicu, « Cicerone e il prepon », Paideia 55 (2000), p. 123-162.

18 Orator 100 : humilia subtiliter et alta grauiter et mediocria temperate potest dicere ; cf. anche Orator 101 : parua summisse, modica temperate, magna grauiter dicere : « trattare gli argomenti modesti con stile dimesso, quelli medi con stile misurato, quelli grandiosi con stile solenne ».

19 K. Pohl, Die Lehre von den drei Wortfügungsarten. Untersuchungen zu Dionysios von Halicarnass, De compositione uerborum, Tübingen, [s. n.], 1968 ; F. Donadi, Lettura delDe compositione uerborum di Dionigi d’Alicarnasso, Padova, Imprimitur, 2000.

20  Su cui cf. D. T. Benediktson, op. cit., p. 108-120 ;S. Halliwell, op. cit., p. 293-296.

21  Ho esaminato più in dettaglio questo passo in Eufonia e onomatopea. Interpretazioni dell’iconismo nell’antichità classica, Como, Edizioni New Press, 2005, p. 140-149.

22  Prevale in Aristotele una concezione simbolica della lingua, cf. De interpretatione 16a 3-8 e M. Kraus, « Platon und das semiotische Dreieck », Poetica 22 (1990), p. 242-281, a p. 259.

23  Va riconosciuto a J. Onians, op. cit., p. 38-39 il merito di aver colto le analogie tra teoria degli ordini architettonici e genera dicendi, anche se la sua proposta necessita di ulteriori precisazioni, come vedremo nel corso del presente studio. Cf. anche Y. Pauwels, « Fort ou faible, riche ou pauvre, masculin ou féminin : des ordres d’architecture comme catégories stylistiques à la Renaissance », in M. Cojannot-Le Blanc, C. Pouzadoux & É. Prioux (eds.), op. cit. n. 7.

24  Per questo motivo non mi sembra del tutto pertinente il parallelo con Cicerone, De oratore III, 199, proposto da J. Onians, op. cit., p. 38, perché nel passo in questione Cicerone contrappone uno stile plenus a uno tenuis, schema che, come indica plenus, configura un’opposizione tra stile elevato artificioso e stile tenue semplice.

25 Incerta [...] caementa. La stessa analogia ricorre in Demetrio, De elocutione13.

26  Sull’uso di gracilis nella lingua delle arti cf. J. J. Pollitt, op. cit., p. 194-196.

27  Fr. 322 Funaioli = Gellio VI, 14, 6 ; questa convergenza tra la terminologia vitruviana degli ordini e quella varroniana dei genera dicendi potrebbe portare ulteriori elementi a sostegno dell’ipotesi che Vitruvio avesse utilizzato come fonte anche un’opera di Varrone, cf. Vitruvio, De architectura, traduzione e commento a cura di E. Romano & A. Corso, Torino, Einaudi, I, p. 403.

28  Cicerone, Orator 21 ; 53 ; 98 ; 101.

29  Il valore etiologico dell’excursus è stato opportunamente sottolineato da P. Gros, « Vitruve : l’architecture et sa théorie à la lumière des études récentes », op. cit. n. 12, p. 173-209, a p. 193 ; sulla mimesis in Vitruvio cf. P. Lephas, « Doric and Ionic Orders in a Platonic Universe : A Comment on Vitruvius IV, 2, 1-6 », NEA 29 (2000), p. 163-190.

30  Sul corpo umano come modello architettonico cf. J. Rykwert, The Dancing Column. On Order in Architecture, Cambridge / London, The MIT Press, p. 123-138 ; M. Courrént, « Le corps humain, référence et modèle dans le De architectura de Vitruve », REA 99 (1997), p. 101-108 ; sulla natura come modello architettonico Ead., « À propos d’une polysémie problématique. Étude sémantique et lexicologique de natura dans le De architectura de Vitruve », LEC 67 (1999), p. 3-20. Sulla ricaduta terminologica di questi modelli analogici cf. L. Callebat, « Dénominations métaphorique dans le vocabulaire de l’architecture », in L. Callebat (ed.), Latin vulgaireLatin tardif4, Hildesheim / Zürich, Olms-Weidmann, 1995, p. 633-642.

31  La colonna dorica non si costituisce in ordine se non quando gli Ioni le hanno dato proporzioni fondate su un modulo anatomico, come sottolinea P. Gros, « Apollon, la ligue ioniennne et les origines de l’ordre dorique selon Vitruve, IV, 1, 3-6 », op. cit. n. 12, p. 301-309, a p. 303.

32  Non senza motivo si è potuto ravvisare in questa descrizione un riferimento alla scultura di figure maschili e femminili, cf. E. Romano & A. Corso, op. cit., I, p. 423.

33  Su questo concetto chiave della teoria mimetica dell’arte cf. J. J. Pollitt, op. cit., p.125-138. Per le sue attestazioni in epoca ellenistica cf. Antologia palatina IX, 719-724 e per la sua funzione nella critica d’arte cf. A. Stewart, « Posidippus and the Truth in Sculpture », inK. Gutzwiller (ed.), The New Posidippus. A Hellenistic Poetry Book, Oxford, Oxford University Press, 2005, p. 183-205 ; G. Adornato, « Sguardi letterari e giudizi d’arte : Lisippo e gli artisti dell’λθεια », inF. De Angelis (ed.), Lo sguardo archeologico : i normalisti per P. Zanker, Pisa, Edizioni della Normale, 2007, p. 3-18.

34 Cf. J. Rykwert, op. cit., p. 261.

35  La riconduzione a uno schema sincronico della diacronia dei genera compositionis è stata sottolineata da R. S. Reid, « Dionysius’s of Halicarnassus Theory of Compositional Style and the Theory of Literate Consciousness », Rhetoric Review 15 (1996), p. 46-64.

36  Questa proposta è stata formulata da J. Onians, op. cit., p. 38 ; dubbi in proposito sono avanzati da P. Gros, « La sémantique des ordres à la fin de l’époque hellénistique et au début de l’Empire. Remarques préliminaires », op. cit. n. 12, p. 351-361, a p. 354.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Cesare Marco Calcante, « Architettura e iconismo : retorica dei genera dicendi e teoria degli ordini architettonici in Vitruvio », Cahiers des études anciennes, XLVIII | 2011, 119-139.

Référence électronique

Cesare Marco Calcante, « Architettura e iconismo : retorica dei genera dicendi e teoria degli ordini architettonici in Vitruvio », Cahiers des études anciennes [En ligne], XLVIII | 2011, mis en ligne le 28 mai 2011, consulté le 23 mai 2017. URL : http://etudesanciennes.revues.org/317

Haut de page

Auteur

Cesare Marco Calcante

Université de Pavie

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Les contenus des Cahiers des études anciennes sont mis à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo Institut d’études anciennes
  • Logo Université Laval
  • Logo Directory of Open Access Journals
  • Revues.org